Dic 5 2017

L’orrore del 41 bis descritto da chi lo subisce in carcere

Diffondiamo da contropiano

Qui di seguito il documento che Nadia Lioce, prigioniera politica detenuta da anni a regime 41 bis ha presentato al Tribunale Penale de L’Aquila in occasione del processo che la vede imputata proprio per avere protestato in carcere contro il 41 bis.

La sottoscritta Nadia Lioce ha presentato opposizione al decreto penale di condanna n.29/2016 ritenendo di poter qualificare le azioni, addebitatele come di disturbo delle altre detenute, come tradizionali azioni di protesta verso l’amministrazione penitenziaria (battitura delle sbarre), e di poter argomentare come non potesse ritenere di aver arrecato un disturbo alle altre detenute, non avendo udito lamentele; né che tali azioni arrecassero un tale disturbo, essendo  state storicamente accettate e/o condivise dalle detenute della sezione femminile 41 bis dell’istituto de L’Aquila, come in generale lo sono  per tutti i detenuti. Continue reading


Ott 27 2017

Carcere di Ferrara: Scritto del compagno anarchico Alfredo Cospito

Alfredo ha scritto questo saluto per l’uscita del numero zero di Vetriolo nel novembre-dicembre 2016. Come è noto la lettera è stata bloccata dalla censura. Ora siamo finalmente in grado di divulgarla. Ricordiamo che in questi mesi la censura si è gravemente inasprita, un giro di vite evidentemente ordinato direttamente dal pm Sparagna, che non è occasionale zelo del secondino di turno. Sembrano esserci delle vere e proprie direttive su cosa deve e cosa non deve arrivare (Vetriolo per esempio in principio non è arrivato a nessuno). Per protestare contro la censura, Alfredo è stato in sciopero della fame dal 3 al 13 maggio. ROMPERE L’ISOLAMENTO!

Con accuse da 30 anni sul groppone può sembrare assurdo sentire il bisogno di comunicare progetti e riflessioni. Con la censura che incalza stravolgendo tutto quello che scrivo e dico continuare imperterrito a comunicare e scrivere riflessioni, che inevitabilmente si prestano alla repressione, può sembrare stupido e folle. Stupidità e follia di cui non posso fare a meno per sentirmi ancora vivo e partecipe.

Una sola scelta, spalle al muro, continuare la lotta. Continue reading


Ott 22 2017

Poesia di Madda, detenuta alle Vallette

Riceviamo e diffondiamo

Scritto da Maddalena Rolle, detenuta presso il carcere di Lorusso Cotogno, ha 28 anni, residente a Rivara ma vissuta piu a Torino, Porta Palazzo sopratutto.

 

La mia realtà

 

Tristemente annoiati

Imprimiamo i nostri sentimenti sulla carta

Raggiriamo il tempo con qualche menzogna

Senza stimoli ci sentiamo travolti dall’amarezza,

vittime di noi stessi contempliamo il momento del nostro ritorno,

ogni secondo , di ogni giorno, in ogni singolo momento,

Annoiati dalla tranquillità, dal silenzio, dallo stesso panorama notte e giorno,

routines, abitudini scandite da orari precisi sconvolgono la vita di noi tutti.

Non penso ad altro che arrivi la sera per la quasi serenità interiore,

per nascondermi nel torpore della notte  e addolcire il dolore,

per addormentarmi chiudendo gli occhi  e riaprirli nella solita storia del “domani”,

sperando che prima o poi qualcosa cambi, vivendo nel tempo altri attimi, attimi migliori,

sorvolando la monotomia di queste prigioni,

costruendo la mia favola che si evolve dentro al mondo reale ,

sognando ad occhi aperti per non impazzire ,

vivendo il mio film entusiasmante con diversi attori,

ed ogni giorno la pellicola che scorre, lasciando spazio ad altri ruoli,

cortometraggi con scene che condizionano le mie azioni,

perche e’ il nostro cervello a poter viaggiare in posti lontani, a noi sconosciuti e delle volte remoti,

anche se soli, chiusi, in posti bui e si dipende dagli stessi panorami,

dove la dignità si affievolisce e piano piano senti che svanisce,

il tuo cervello comanda e viaggiando la ripristina dalla radice,

non combattendo una guerra di sangue, ma soltanto con la tua mente,

perche’, non esistono padroni ma solo noi stessi cercati d’esser burattinati dalle istituzioni.

 

ROLLE Maddalena.


Ott 11 2017

Lettera di Beppe, prigioniero a Regina Coeli

scritta il 4 ottobre ricevuta il 9

Ciao a tutte e tutti.
Sono stato arrestato il 4 agosto con la misura cautelare di custodia nel
carcere “Lorusso e Cotugno” di Torino insieme ad altr* 4 compagn* e due
compagne con la misura cautelare di divieto di dimora dal comune di
Torino e provincia per esserci frapposte all’ennesima retata nel nostro
quartiere, ma già molto abbiamo detto al riguardo e non mi dilungherò
oltre.
Dopo due settimane in carcere, il Tribunale della Libertà ha modificato
la misura cautelare per i/le cinque arrestate alla custodia cautelare
presso i domicili da noi presentati. Per quel che mi riguarda ho deciso
di andare da una compagna presso il comune di Roma. Li i controlli si
sono susseguiti di giorno in giorno fino al 22 settembre; giornata nella
quale, alle sette del mattino circa si sono presentati alla mia porta
vari poliziotti in borghese e due volanti per notificarmi un
aggravamento di pena, richiesto dai carabinieri preposti al mio
controllo della caserma di La Storta per una Continue reading


Ott 8 2017

Due comunicati di Ghespe

Diffondiamo da RounRobin

Seguono due comunicati pubblici di Ghespe, scritti a distanza di un mese l’uno dall’altro.

Nell’ennesima operazione di digos e ROS, sono stato arrestato insieme ad altre 7 persone. La fantasia non gli manca mai a ste carogne (chissà che gli manchi almeno la salute) e chiunque abbia anche solo sfogliato le carte sa bene quanto si siano sbizzarriti anche stavolta. C’è però da dire che, benché le carte sembrino un romanzetto poliziesco (anche abbastanza scadente), citano 3 fatti che poco hanno a che vedere con l’immaginazione:  le Molotov volate ad Aprile sulla caserma dei carabinieri di Rovezzano, l’ “ordigno” esploso alla libreria di casapound “il bargello”, dove un artificiere specializzato della PS ha perso un occhio e una mano, e che tutte le persone arrestate sono anarchiche. Ad oggi in carcere restiamo solo io e Paska. Una delle cose che mi ha colpito nelle carte, ma non Continue reading


Ott 4 2017

Lettera di Andrea dal carcere. Gioia e condivisione. Rabbia, determinazione, amore.

Diffondiamo da infoaut

Le vallette, 1 ottobre 2017, ore 14.30 circa

Primo giorno di detenzione, blocco b nuovi giunti

Gioia e condivisione

Sono entrato, dopo la trafila burocratica in matricola e dopo otto ore passate in questura, nella mia cella al secondo piano del blocco b – nuovi giunti, verso le 4 del mattino. Sereno nel cuore, lucido nella mente, solo un po’ stanco (per usare un eufemismo ) e provato dalle fatiche delle giornate di lotta e di lavoro appena trascorse.

il primo pensiero che mi ha accompagnato  prima di prendere sonno ha avuto il sapore della gioia e della condivisione: scorrono nitide le immagini delle intense Continue reading


Feb 11 2017

Operazione Scripta Manent – Aggiornamenti

Diffondiamo da informa-azione

Daniele è stato scarcerato

In attesa di maggiori informazioni apprendiamo da Croce Nera Anarchica che il compagno Daniele Cortelli, arrestato nel corso delle perquisizioni per l’inchiesta Scripta Manent, è stato scarcerato

Una settimana di isolamento per Marco dopo distruzione di vetrate del carcere

Testi tratti da Croce Nera Anarchica:

Apprendiamo, tramite una lettera datata 26 gennaio, che al compagno anarchico prigioniero in AS2 nel carcere Alessandria è stata fatta scontare una settimana di Continue reading


Nov 17 2016

Monza – Si toglie la vita l’ennesimo morto di carcere

impiccato.jpgUn detenuto del carcere di Monza si è tolto la vita impiccandosi con le lenzuola nella sua cella. Vito Angelo Caruso, 43 anni, è morto ieri pomeriggio e con la sua morte salgono a 32 i detenuti che si sono tolti la vita da inizio anno. Nella Casa circondariale di Via Sanquirico il precedente suicidio risale al 3 gennaio 2015, quando si impiccò un detenuto 28enne, e negli ultimi 5 anni vi sono morti complessivamente 8 detenuti.

Riccardo Arena, direttore di Radio Carcere, dichiara al riguardo: “Vito, che si è impiccato ieri intorno alle ore 15 utilizzando delle lenzuola, era incensurato e detenuto in attesa di giudizio da oltre un mese. E proprio perchè detenuto in attesa di giudizio, era ristretto in una sezione dove le celle restano chiuse per quasi tutto il giorno”.

Fonte

 


Ott 14 2016

Prigionieri/e dell’Op. Scripta Manent – Anna e Alfredo in sciopero della fame contro l’isolamento

dApprendiamo che i prigionieri Alfredo Cospito e Anna Beniamino sono in sciopero della fame contro l’isolamento detentivo a cui sono costretti tutti gli arrestati nel corso dell’Op. Scripta Manent. Seguono comunicati da Crocenera:

Il compagno anarchico Alfredo Cospito è entrato in sciopero della fame il giorno 3 ottobre scorso.

Continue reading


Ott 1 2016

Opera – Segnalazione di pestaggi e abusi nel carcere

aRiceviamo e invitiamo alla diffusione:

Carcere di Opera, Agosto 2016

Buongiorno cari compagni/e,
sono (…), detenuto da ben 7 anni in questo istituto indegno e ne ho viste veramente di tutti i colori. Sono entrato che avevo 18 anni, ero ristretto al 2° Pad (regime custodia attenuata), reparto di premio-ricatto; dopo più di 3 anni che ero stato al 1° Pad, 4° piano, Sez. B., mi hanno proposto di andare a fare questo percorso al 2° Pad., anche se comunque io già al 1° Pad frequentavo corsi e scuola di ragioneria per mie ricerche personali. Continue reading


Set 30 2016

Sondrio – Sciopero della fame in carcere contro la direttrice

aRiportiamo qui di seguito quanto scritto dai detenuti al Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria e al presidente del Tribunale di sorveglianza di Milano.

« – Il direttore dell’istituto ha vietato più volte l’ingresso del garante dei detenuti fino a metterlo in condizione di rinunciare all’incarico.
– Il direttore dell’istituto ha vietato l’ingresso delle volontarie “le dame di San Vincenzo” che da anni aiutavano i detenuti con supporti morali e materiali di prime necessità. Continue reading


Set 18 2016

Vercelli e Saluzzo – Cella incendiata e un agente aggredito

a“Sangue e violenza: è quel che caratterizza sempre più frequentemente le carceri del Piemonte, oggi affollate da oltre 3.670 detenuti e costantemente al centro delle cronache per il continuo verificarsi di eventi critici”. Continue reading


Lug 4 2016

Aggiornamenti da Marco Camenisch: la lenta sottrazione di sbarre

1389636972185626

Riceviamo una corrispondenza dal prigioniero ecologista anarchico Marco Camensich rispetto al suo trattamento intra-extra-carcerario:

Fine giugno 2016: Aggiornamento “discesa”

Dopo il trasferimento di novembre 2015 da Bostadel a Saxerriet (Salez) nella sezione “chiusa di transito”, il 10 dicembre 2015 ci fu “riunione di trasferimento” con la direzione del carcere, i responsabili del DAP Zurigo ed il mio legale, ove furono deliberati poi ordinati i seguenti “passi”, ora già realizzati:

Gennaio 2016 trasferimento interno del “transito” in una “sezione aperta”

Febbraio 2016 2 uscite di 5h accompagnate da personale dell’istituto

Marzo 2016 2 uscite ognuna di 5h accompagnate da “figura di riferimento di propria scelta che
si assume la responsabilità” Continue reading


Mar 10 2015

Solidarietà con i compagni in sciopero della fame

untitled-2-00dbeTESTO DI NIKOS MAZIOTIS SULLO SCIOPERO DELLA FAME DELLA CCF
NESSUNO E’ LASCIATO SOLO DI FRONTE ALLA REPRESSIONE DELLO STATO
Prigionieri politici hanno dato inizio ad uno sciopero della fame ,nelle carceri greche, a partire dal 2 marzo 2015.Alcuni di loro, come me, hanno un contesto comune di richieste riguardo: l’abolizione delle legislazioni anti-terrorismo ,l’ abolizione sulla legge sugli incappucciati e delle prigioni di tipo C ed il rilascio per motivi di salute, del membro incarcerato della 17 Novembre Xavvas Xiros. Continue reading


Nov 4 2014

Déclaration de Georges Ibrahim Abdallah

Link presidio 1, 2

Link interviste 1, 2, 3

Speciale su Georges

IMG_1723

Déclaration de Georges Ibrahim Abdallah lue le 24 octobre aux meetings organisés par Coup Pour Coup 31 à Toulouse et par leCollectif 69 de soutien à la libération de Georges Abdallah à Lyon.

Cher«e»s camarades, Cher«e»s ami«e»s,

Vous savoir réunis ce soir m’apporte beaucoup de force et me réchauffe le cœur et surtout me conforte dans la conviction que c’est toujours ensemble dans la diversité de l’expression solidaire que l’on peut faire avancer la mobilisation en assumant toujours plus le terrain de la lutte anticapitaliste anti-impérialiste. 

Comme vous voyez Camarades, par delà les barbelés et les miradors qui nous séparent physiquement, nous voici ce soir toujours ensemble, résolument débout face à cette nouvelle année de captivité, la 31e année. 

Certes des années, de très longues années derrière ces abominables murs, ce n’est pas vraiment la joie, c’est humainement presque insupportable ; il n’en demeure pas moins camarades, grâce à la solidité de votre engagement, c’est toujours ici la même émotion et surtout la même détermination en écho à votre mobilisation solidaire. 

Continue reading


Nov 2 2014

Una coraggiosa denuncia da parte di Maurizio Alfieri

 

La lettera che pubblichiamo e che chiediamo di diffondere il più possibile (siti, radio di movimento, situazioni di lotta ecc.) è un coraggioso atto di accusa contro il carcere di Terni e contro tutta l’amministrazione penitenziaria. Non ci facciamo certo illusioni su di un’inchiesta da parte della magistratura, ma non possiamo lasciare solo Maurizio, uomo retto che non ha mai avuto paura di esporsi. Il DAP e i carcerieri devono sapere che a fianco di Maurizio ci siamo tutti/e noi ad urlare che sono degli assassini. 

 

Carissimi/e compagni/e

Prima di tutto vi devo dire una cosa che mi sono tenuto dentro e mi faceva male… ma la colpa non è solo mia e poi potete capire e commentare la situazione in cui mi sono trovato e che ora rendiamo pubblica.

L’anno scorso mentre a Terni ero sottoposto al 14 bis arrivarono due ragazzi, li sentivo urlare che volevano essere trasferiti perché le guardie avevano ammazzato un loro amico… così mi faccio raccontare tutto, e loro mi dicono che un loro amico di 31 anni era stato picchiato perché lo avevano trovato che stava passando un orologio (da 5 euro) dalla finestra con una cordicina, così lo chiamarono sotto e lo picchiarono dicendogli che lo toglievano anche dal lavoro (era il barbiere), lui minacciò che se lo avessero chiuso si sarebbe impiccato, così dopo le botte lo mandarono in sezione, lui cercò di impiccarsi ma i detenuti lo salvarono tagliando il lenzuolo, così quei bastardi lo chiamarono ancora sotto e lo presero a schiaffi dicendogli che se non si impiccava lo uccidevano loro. Così quel povero ragazzo è salito, ha preparato un’altra corda, i suoi amici se ne sono accorti ed hanno avvisato la guardia, ma nel frattempo era salito l’ispettore perché era orario di chiusura, l’agente iniziò a chiudere le celle, ne mancavano solo tre da chiudere, tra cui quella del povero ragazzo, i due testimoni gridano all’ispettore che il ragazzo si sta impiccando e per tutta risposta ricevono minacce di rapporto perché si rifiutavano di rientrare in cella, finché dalla paura anche loro sono rientrati dopo aver visto che il loro amico romeno si era lasciato andare dallo sgabello con la corda al collo, e quei bastardi hanno chiuso a tutti tornando dopo un’ora con il dottore che ne costatava la morte e facendo le fotografie al morto…

Continue reading


Giu 9 2014

Scriviamo ai numerosi compagni in carcere

Scriviamo ai compagni e alle compagne in carcere:

Daniele Altoè C.C. Piazza Don Soria, 37 – 15121 Alessandria
Andrea Ventrella C.C. Via Port’Aurea, 57 – 48121 Ravenna
Paolo Milan C.C. Brissogne, Loc. Les Iles, 14 – 11020 Aosta
Toshiyuki Hosokawa C.C. Brissogne, Loc. Les Iles, 14 – 11020 Aosta
Giuseppe De Salvatore C.C. Via dei Tigli 14 – 13900 Biella
Francesco Di Berardo C.C. Via Roncata 75 – 12100 Cuneo
Nicolò Angelino C.C. via Maria Adelaide Aglietta 35 – 10151 Torino
Marianna Valenti – C.C. via del Rollone 19 – 13100 Vercelli
Fabio Milan – C.C. via del Rollone 19 – 13100 Vercelli
Michele Garau – Strada Quarto inferiore 266 – Loc. Quarto Inferiore – 14030

Nicco, Chiara, Claudio, prigionieri No Tav raggiunti da nuove misure
cautelari, rimangono nelle galere in cui erano precedentemente detenuti:

Claudio Alberto C.C. Via Arginone 327 – 44122 Ferrara
Niccolò Blasi C.C. Via Casale San Michele 50 – 15100 Alessandria
Chiara Zenobi C.C. Via Bartolo Longo 92 – 00156 Roma


Apr 15 2014

Libertà per Lorenzo, Matteo, Simone, Ugo!

manifestazione-roma-12aprile-6

Alla fine del corteo di sabato 12 Aprile sono stati effettuati vari fermi.

Al momento si trovano nel carcere di Regina Coeli 4 compagni in attesa dell’udienza di convalida:

Lorenzo, Matteo, Simon  e Ugo

Scriviamo lettere e telegrammi a
Marabini Lorenzo
Matteo Pompea
Ugo Esposito
Simon Kanka

Casa circondariale di Roma Regina Coeli Via della Lungara, 29, 00165

NON LASCIAMOLI SOLI!

LA SOLIDARIETA’ È UN ARMA: USIAMOLA!

Fonte


Feb 20 2014

Davide Delogu in sciopero della fame

cordatesaDiamo massima solidarietà e appoggio concreto a Davide,  scriviamogli, facciamoci sentire

BASTA ISOLAMENTO! BASTA CENSURA!

riceviamo e inoltriamo

Palermo -PAGIARELLI PRESONI 11/2/2014 Ciao, spero tutto bene! Come vedi unisco a questa il verbale che mi hanno notificato oggi. L’unico della giornata e nei giorni precedenti ne ho ricevuti degli altri, sempre inerenti alle cartoline dal “tenore anarco-insurrezionalista”. Si è dunque scoperto che il censore non gradisce neanche la libertà di stampare le cartoline che possano esprimere la propria creatività, utilizzando a piacimento Continue reading


Feb 1 2014

Prigionieri No Tav – Lettera di Claudio dal carcere diTorino

riceviamo e diffondiamo:

cordatesaCarcere delle Vallette Torino 20 gennaio 2014
Ciao a tutti,
dal 9 dicembre sono rinchiuso qua al blocco D delle Vallette insieme a Niccolò e Mattia mentre Chiara sta al blocco F, privati dei nostri affetti come delle lotte che portavamo avanti fuori, delle nostre montagne come dei nostri quartieri.
I giudici in ossequio alla volontà della procura ci hanno appioppato l’appellativo di “terroristi”, così il DAP (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria) ci ha classificato AS2. L’Alta Sicurezza è un’infamità dentro quell’infamità che è già il carcere, poiché ti impedisce di avere Continue reading


Feb 1 2014

Prigionieri No Tav – Lettera di Chiara dal carcere di Torino

Riceviamo e diffondiamo:

sticker_libertadCarcere delle Vallette 20 gennaio 2014
Se potessi scegliere mi troverei proprio dove sono.
Tra i sentieri della Valle, per le vie di Torino, con i miei compagni o specchiandomi negli occhi di donne e uomini sconosciuti, imparando ad ascoltare, scegliendo di aspettare, correndo più veloce. Continue reading


Dic 11 2013

Bahar: lettera dal carcere di Bergamo

cordatesaPubblichiamo una lettera che Bahar Kimyongur ha scritto mentre era detenuto nel carcere di Bergamo. Bahar è stato arrestato a Milano il 21 novembre sulla base di un vecchio mandato turco. Il giornalista, lo ricordiamo, ha denunciato il governo di Erdogan più volte, raccontando la situazione tragica e le torture subite dagli oppositori politici nelle prigioni turche e di come Ankara abbia mandato terroristi in Siria per fomentare la guerra. Per questo Erdogan vuole farlo Continue reading


Nov 26 2013

Lettera e proposta dalla sezione femminile nuovi giunti del carcere di Torino

diffondiamo da informa-azione

cordatesaQuesta lettera arriva dalla seconda sezione Nuovi Giunti femmile del carcere delle Vallete. Racconta le condizioni a cui sono costrette queste detenute e un episodio drammatico che hanno vissuto, censurato dall’amministrazione penitenziaria. Con coraggio e collettivamente propongono un momento di lotta il 4 dicembre, a cui è doveroso dare voce. E’ importante diffonderla il più possibile tra Continue reading


Nov 26 2013

Lettera di Mauro Rossetti Busa dal carcere di Terni

diffondiamo da informa-azione

cordatesaMi chiamo Mauro Rossetti Busa e scrivo questa lettera dal carcere di Terni dove sono sottoposto al regime AS2 dal 2009, cioè da cinque anni. Sto scontando una condanna di anni undici per vari reati di cui alcuni “con finalità di terrorismo ed eversione dell’ordine democratico”.

La maggior parte di questi reati l’ho commessa nelle Continue reading


Nov 10 2013

Messico: Lettera di Mario González

Diffondiamo da contrainfo

cordatesaA tutte le persone che non abbandonano mai i suoi istinti di libertà,

Vi mando saluti dal carcere Preventivo varonile d’Oriente, sto per compiere un mese di reclusione e 20 giorni di sciopero della fame, nonostante ciò voglio dirvi che il mio Continue reading


Ott 27 2013

Testimonianze di alcune detenute della Dozza di Bologna

diffondiamo da informa-azione

cordatesaRiportiamo le testimonianze di alcune ragazze rinchiuse al carcere della Dozza (Bologna) che ci hanno scritto raccontandoci quello che ha significato per loro la battitura che hanno portato avanti durante la mobilitazione nazionale.

GiùMuraGiùBox Forlì

19.55…l’orologio indica che il momento del nostro grido Continue reading


Ott 27 2013

Lettera di Dayvid dai domiciliari

diffondiamo da informa-azione questa lettera di Dayvid, compagno ai domiciliari imputato nel il processo per i fatti del 15 ottobre 2011 a Roma:

cordatesaCari compagne e compagni,

non sapete con quale gioia io scriva questa lettera! Il sapere delle tre giornate di lotta indette per sostenere noi imputati del 15 ottobre 2011 mi riempie il cuore di speranza.

Per anni ci siamo ripetuti lo slogan: ” la solidarieta’ e’ un arma”; rischiavamo a Continue reading


Ott 27 2013

Prigionieri 15 Ottobre – Francesco trasferito a Roma

cordatesaApprendiamo che da lunedì 14 ottobre 2013, dopo essere passato per le galere di Savona e San Remo, Francesco Carrieri è stato trasferito a Roma.

Per scrivergli:

Francesco Carrieri
c/o C.C. Rebibbia
via Raffaele Majetti, 70
00156 Roma

La solidarietà è una arma, usiamola!!!


Ott 26 2013

Messico Prigionieri – Braulio Duran libero!

cordatesadiffondiamo da informa-azione la traduzione di questo scritto del compagno messicano Braulio Duran da abajolosmuros.org

La notte del 9 ottobre e’ tornato in liberta’ il nostro fratello e compagno Braulio Duran,dopo aver passato gli ultimi 3 anni nel carcere di Leon condannato per il reato di incendio doloso.
Il compagno scrive questo breve Continue reading


Ott 8 2013

Prigionieri 15 Ottobre – Aggiornamenti e lettera di Francesco dal carcere di Savona

diffondiamo da informa-azione

cordatesaCiao a tutti,
Sono ormai cinque giorni che mi trovo nel carcere Sant’Agostino di Savona.
Sinceramente sono ancora sconcertato e stupito di trovarmi in questa situazione, non sono di certo il tipo che si fida della sbirraglia o che ripone fiducia nello Stato e nella sua giustizia, ma resta il fatto che non mi aspettavo un colpo basso del Continue reading