Nov 20 2014

Grande mobilitazione a Reggio Emilia per la campagna “Una firma non ci ferma”

Oltre le firme ci mettiamo la faccia!
reg
La città degna risponde ai provvedimenti cautelari adottati a seguito del 25 Aprile scendendo in centinaia in piazza

Più di 400 persone hanno sfilato per le vie della città rimarcando il loro antirazzismo ed antifascismo ed in risposta alle misure cautelari adottate a 15 compagni a seguito della mobilitazione del 25 aprile contro la presenza della Lega Nord e del suo segretario nazionale Matteo Salvini.
“Il 28 Novembre il Tribunale del riesame di Bologna rivedrà i provvedimenti, su richiesta del pubblico ministero, adottati dal GIP, potendo accogliere l’istanza peggiorativa del p.m che al principio prevedeva gli arresti domiciliari per 5 dei 15 sotto firma, oppure adottare un altro corso. Un secondo appuntamento sul tema della giustizia e della libertà di movimento, già positivamente anticipato da questa giornata di mobilitazione.” [LEGGI TUTTO]#unafirmanonciferma: 28 novembre giornata di mobilitazione!
____________________________________________

TRA PARMA E BOLOGNA, SALVINI RESPINTO OVUNQUE…MA ARRIVA LA REPRESSIONE!

Continue reading


Giu 4 2013

41bis, “esercitazione militare per il corteo di Parma”

cordatesaCome gruppi cittadini che hanno partecipato al corteo contro carcere, differenziazione e 41bis, intendiamo intervenire in merito a quanto riportato sulle testate locali e al clima che queste hanno contribuito a creare in città prima della giornata di sabato 25 maggio.
Non è la prima volta che a Parma si organizzano mobilitazioni o presidi sotto le mura del carcere, ma questa volta tutta la città ha assistito a un’enorme e dispendiosa esercitazione di polizia e subito i suoi effetti; riteniamo spropositato l’uso di così tanti uomini e mezzi, compresi due elicotteri (!), per un corteo il cui obiettivo era Continue reading


Mag 22 2013

Sciopero della fame nel carcere di Viterbo

sciopero-della-fameRiceviamo da Davide Rosci e diffondiamo con la più totale solidarietà e complicità

Viterbo 8 Maggio 2013

In accordo con altri compagni e detenuti abbiamo deciso d’intraprendere uno sciopero della fame che inizierà Mercoledì 22 Maggio per appoggiare il corteo che si svolgerà a Parma il 25 Maggio contro il sistema inumano delle carceri, la differenziazzione, il carcere duro e l’isolamento. Il nostro fine è cercare una solidarietà di classe a sostegno delle lotte di tutti i prigionieri. E’ una forma estrema, ma siamo consapevoli che solo con la lotta da dentro e fuori queste mura si possano ottenere cambiamenti.
Quello che avviene in questi luoghi è sconosciuto ai più e solo costretto a vivere determinati abusi può testimoniare quanto sia aberrante il trattamento che questo stato riserva a chi ha sbagliato. L’obiettivo della Continue reading


Mag 22 2013

Appello per la costruzione e la partecipazione alla giornata di lotta del 25/5/2013 a Parma contro il carcere e il 41bis

diffondiamo da uniticontrolarepressione

cordatesaNel carcere di Parma sono rinchiusi oltre 600 prigionieri, la capienza regolamentare è di 350. Al suo interno vi sono, inoltre, una sezione per paraplegici, una sezione protetti, e una sezione di Alta Sicurezza articolata in AS1, AS3, 41bis. Oltre 50 detenuti sono in 41 bis, tra di essi il compagno Marco Mezzasalma, condannato a due ergastoli nei processi contro le Brigate Rosse – Partito Comunista Combattente.
L’art. 41 bis dell’ordinamento penitenziario è Continue reading


Feb 18 2013

TSO a Parma. Richiesta indagine

Diffondiamo da SenzaFuturo
tsoTrascrivo (spostando il video alla fine) dal sito Movimento Revolution, precisando 2 cose, una inerente una cosa scritta nel post e una di carattere generale. La prima è che per il TSO si può fare ricorso o richiesta di revoca anche se la procedura è stata rispettata, e inoltre non per forza si deve fare entro 48 ore, si può fare anche dopo. La seconda è che, come ho già scritto nella e-mail di risposta a questa notizia, tanto di cappello a chi ha fatto ciò, ma mi preme il dire che ciò di cui si parla non succede solo a Parma, succede ovunque, in ogni parte, luogo e posto d’Italia. Per cui, non lo si consideri (al solito…) un caso isolato ed eccezionale, qualcosa che è accaduto a Parma ma che non succede altrove.
Nel contempo, invito a partecipare a CAMPAGNA PER L’APPLICAZIONE DELLE NORME DI TUTELA E DI DIFESA DEI DIRITTI CIVILI DEI SOGGETTI SOTTOPOSTI A TSO
La Campagna può essere sottoscritta tramite invio di e-mail solamente da gruppi, associazioni, ecc., sia formali che informali. Inoltre, riguarda solo la Regione Sicilia, però chi vuole può farla nella propria Regione.
Natale Adornetto
————————-
Riceviamo richiesta di aiuto per ipotesi di Abuso T.S.O Trattamanto Sanitario Obbligatorio,sembra che a Parma questo metodo venga utilizzato con troppa facilità.
Abbiamo raccolto delle testimonianze scioccanti da parte sia dei “pazienti” rinchiusi sia dei parenti .
I familiari ci informano che è stata richiesta l’avvio di un’indagine .
Ribellarsi all’abuso dell invadenza della psichiatria
Mi hanno legato al letto per due settimane
Mi hanno impedito di telefonare
Mi hanno impedito di ricevere visite
Mi hanno costretto a prendere i farmaci dopo il ricovero
Mi hanno impedito di uscire anche se mi sono ricoverato volontariamente
Mi hanno tenuto in trattamento coatto per due mesi …
E’ TUTTO ILLEGALE!
E’ ora di conoscere i tuoi diritti, di porre un argine
allo strapotere della psichiatria, alla sua invasione
nelle nostre vite, nei nostri corpi e nelle nostre menti
… e allora CONOSCI I TUOI DIRITTI!
IL TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio) DEVE ESSERE UN’ECCEZIONE
Il TSO è per legge un PROVVEDIMENTO ECCEZIONALE da applicarsi solo nel caso in cui una persona non solo presenti “alterazioni tali da necessitare di urgenti interventi terapeutici” ma si rifiuti inoltre di seguire le cure prescritte. Perché sia valido il TSO sono necessari due certificati medici più la firma del sindaco. Se il TSO viene fatto contravvenendo a queste norme è da considerarsi ILLEGALE e si può fare ricorso entro 48 ore. Entro 48 ore deve pure avvenire la convalida da parte del giudice tutelare. Per questo motivo Il TSO deve inoltre essere notificato al giudice tutelare e in mancanza di questa notifica il provvedimento decade automaticamente; alla mancata notifica del TSO può seguire una denuncia al comune per omissione di atti d’ufficio.
IL DIRITTO ALLA COMUNICAZIONE NON SI TOCCA
Nessun medico può vietare a nessuna persona di entrare nel reparto psichiatrico in orario di visita, a nessun paziente può essere impedito di telefonare dal reparto (il diritto alla comunicazione è riconosciuto dalla legge).
LA TERAPIA È OBBLIGATORIA SOLO IN CASO DI TSO
Nessuno può obbligarti a seguire una terapia a meno che sia stato emanato un provvedimento di Trattamento Sanitario Obbligatorio, in caso contrario sei libero di rifiutare qualsiasi cura e puoi diffidare il medico che ti importuna con i suoi pressanti inviti a seguire una certa terapia: fuori dal TSO ogni persona è LIBERA DI FARE QUELLO CHE VUOLE con le terapie consigliate dai medici.
DIRITTO ALLA SCELTA E ALL’INFORMAZIONE
Anche durante il TSO il paziente dovrebbe poter scegliere la terapia che preferisce e quantomeno essere informato sulla terapia stessa e sui suoi effetti diretti e collaterali.
NESSUNO PUÒ ESSERE LEGATO
Nessuno può essere legato, nessun mezzo di contenzione può essere usato (se non per il tempo strettamente necessario a somministrare una terapia); ogni violazione di questa norma è solo un atto di violenza, è un MALTRATTAMENTO PERSEGUIBILE A NORMA DI LEGGE.
IL RICOVERATO VOLONTARIO PUÒ USCIRE QUANDO VUOLE
Chi è ricoverato in regime di ricovero volontario deve essere DIMESSO DAL REPARTO NON APPENA LO DESIDERA. I pazienti ‘volontari’ trattenuti forzatamente nel reparto sono vittime di SEQUESTRO DI PERSONA, reato duramente perseguibile a norma di legge
ATTENZIONE, per quanto sanciti dalle leggi questi diritti non sono quasi mai riconosciuti e mille difficoltà, mille ricatti si oppongono alla loro concreta realizzazione.

Video: Intervista shock dei pazienti – Parma abuso TSO

FonteMovimento Revolution


Feb 2 2013

Parma, evasi dal carcere due pericolosi detenuti

Ma è giallo sulla dinamica della fuga. Per la Questura sarebbero fuggiti durante la notte, tra l’appello delle 3 e quello delle 9 del mattino; mentre per il sindacato della polizia penitenziaria sarebbero fuggiti durante l’orario dei colloqui segando le sbarre

applausoSono evasi nella notte senza lasciare traccia due detenuti del carcere di massima sicurezza di Parma. Da sabato mattina dall’istituto penitenziario di via Burla mancano all’appello due albanesi di 29 e 35 anni, “due pezzi grossi della criminalità normale, non detenuti nella sezione 41 bis” spiegano dalla Questura, spariti nella notte di venerdì in un lasso di tempo compreso tra le 3 e le 9 del mattino. A quegli orari risalgono infatti le ultime ispezioni in cella degli agenti di polizia penitenziaria. Le generalità dei due evasi non sono state ancora diffuse, ma entrambi hanno gravi precedenti penali, su uno dei due pende anche una condanna per omicidio.

Le ricerche sono scattate dopo l’ultimo appello, impegnate tutte le forze dell’ordine che stanno setacciando il territorio. Da via Burle bocche cucite sul grave episodio, di cui non sono ancora chiare le circostanze. Ancora da chiarire infatti come i due detenuti siano riusciti a scappare evitando i controlli delle guardie carcerarie, che si sono accorte della loro fuga solo dopo molte ore dall’accaduto.

Nello scorrere delle ore, però, le versioni della fuga diventano due. Secondo un comunicato delSappe, il sindacato di polizia penitenziaria. Il segretario generale aggiunto Giovanni Battista Durante ha spiegato che uno dei due stava scontando una condanna per omicidio e avrebbe già tentato in passato un’evasione da un carcere del Nord. Al vaglio degli investigatori c’è anche l’ipotesi, oltre all’allontanamento durante l’orario dei colloqui, che i due possano essersi allontanati dopo aver segato le sbarre della cella.

In una nota il Sappe “sicuramente la scarsa attenzione che negli ultimi tempi si pone alla sicurezzadelle carceri determina episodi di questo tipo”. “Il personale di polizia penitenziaria continua ad essere ridotto – lamenta il Sappe – Al momento mancano 7500 unità a livello nazionale (650 solo in Emilia Romagna), nei prossimi due anni ne perderemo altre 2000 a causa dei tagli alla spesa pubblica, considerato che potremo assumere solo il 35% circa di coloro che andranno in pensione, l’eccessivo sovraffollamento e la tendenza ad allentare le maglie della sicurezza fanno in modo che il carcere diventi sempre meno sicuro”.

Fonte