Feb 18 2013

TSO a Parma. Richiesta indagine

Diffondiamo da SenzaFuturo
tsoTrascrivo (spostando il video alla fine) dal sito Movimento Revolution, precisando 2 cose, una inerente una cosa scritta nel post e una di carattere generale. La prima è che per il TSO si può fare ricorso o richiesta di revoca anche se la procedura è stata rispettata, e inoltre non per forza si deve fare entro 48 ore, si può fare anche dopo. La seconda è che, come ho già scritto nella e-mail di risposta a questa notizia, tanto di cappello a chi ha fatto ciò, ma mi preme il dire che ciò di cui si parla non succede solo a Parma, succede ovunque, in ogni parte, luogo e posto d’Italia. Per cui, non lo si consideri (al solito…) un caso isolato ed eccezionale, qualcosa che è accaduto a Parma ma che non succede altrove.
Nel contempo, invito a partecipare a CAMPAGNA PER L’APPLICAZIONE DELLE NORME DI TUTELA E DI DIFESA DEI DIRITTI CIVILI DEI SOGGETTI SOTTOPOSTI A TSO
La Campagna può essere sottoscritta tramite invio di e-mail solamente da gruppi, associazioni, ecc., sia formali che informali. Inoltre, riguarda solo la Regione Sicilia, però chi vuole può farla nella propria Regione.
Natale Adornetto
————————-
Riceviamo richiesta di aiuto per ipotesi di Abuso T.S.O Trattamanto Sanitario Obbligatorio,sembra che a Parma questo metodo venga utilizzato con troppa facilità.
Abbiamo raccolto delle testimonianze scioccanti da parte sia dei “pazienti” rinchiusi sia dei parenti .
I familiari ci informano che è stata richiesta l’avvio di un’indagine .
Ribellarsi all’abuso dell invadenza della psichiatria
Mi hanno legato al letto per due settimane
Mi hanno impedito di telefonare
Mi hanno impedito di ricevere visite
Mi hanno costretto a prendere i farmaci dopo il ricovero
Mi hanno impedito di uscire anche se mi sono ricoverato volontariamente
Mi hanno tenuto in trattamento coatto per due mesi …
E’ TUTTO ILLEGALE!
E’ ora di conoscere i tuoi diritti, di porre un argine
allo strapotere della psichiatria, alla sua invasione
nelle nostre vite, nei nostri corpi e nelle nostre menti
… e allora CONOSCI I TUOI DIRITTI!
IL TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio) DEVE ESSERE UN’ECCEZIONE
Il TSO è per legge un PROVVEDIMENTO ECCEZIONALE da applicarsi solo nel caso in cui una persona non solo presenti “alterazioni tali da necessitare di urgenti interventi terapeutici” ma si rifiuti inoltre di seguire le cure prescritte. Perché sia valido il TSO sono necessari due certificati medici più la firma del sindaco. Se il TSO viene fatto contravvenendo a queste norme è da considerarsi ILLEGALE e si può fare ricorso entro 48 ore. Entro 48 ore deve pure avvenire la convalida da parte del giudice tutelare. Per questo motivo Il TSO deve inoltre essere notificato al giudice tutelare e in mancanza di questa notifica il provvedimento decade automaticamente; alla mancata notifica del TSO può seguire una denuncia al comune per omissione di atti d’ufficio.
IL DIRITTO ALLA COMUNICAZIONE NON SI TOCCA
Nessun medico può vietare a nessuna persona di entrare nel reparto psichiatrico in orario di visita, a nessun paziente può essere impedito di telefonare dal reparto (il diritto alla comunicazione è riconosciuto dalla legge).
LA TERAPIA È OBBLIGATORIA SOLO IN CASO DI TSO
Nessuno può obbligarti a seguire una terapia a meno che sia stato emanato un provvedimento di Trattamento Sanitario Obbligatorio, in caso contrario sei libero di rifiutare qualsiasi cura e puoi diffidare il medico che ti importuna con i suoi pressanti inviti a seguire una certa terapia: fuori dal TSO ogni persona è LIBERA DI FARE QUELLO CHE VUOLE con le terapie consigliate dai medici.
DIRITTO ALLA SCELTA E ALL’INFORMAZIONE
Anche durante il TSO il paziente dovrebbe poter scegliere la terapia che preferisce e quantomeno essere informato sulla terapia stessa e sui suoi effetti diretti e collaterali.
NESSUNO PUÒ ESSERE LEGATO
Nessuno può essere legato, nessun mezzo di contenzione può essere usato (se non per il tempo strettamente necessario a somministrare una terapia); ogni violazione di questa norma è solo un atto di violenza, è un MALTRATTAMENTO PERSEGUIBILE A NORMA DI LEGGE.
IL RICOVERATO VOLONTARIO PUÒ USCIRE QUANDO VUOLE
Chi è ricoverato in regime di ricovero volontario deve essere DIMESSO DAL REPARTO NON APPENA LO DESIDERA. I pazienti ‘volontari’ trattenuti forzatamente nel reparto sono vittime di SEQUESTRO DI PERSONA, reato duramente perseguibile a norma di legge
ATTENZIONE, per quanto sanciti dalle leggi questi diritti non sono quasi mai riconosciuti e mille difficoltà, mille ricatti si oppongono alla loro concreta realizzazione.

Video: Intervista shock dei pazienti – Parma abuso TSO

FonteMovimento Revolution