Set 6 2017

Caserta, Fuoco in cella, notte di panico in carcere

CASERTA – È stata una lunga notte di panico e terrore, quella fra sabato e domenica nel carcere di Santa Maria Capua Vetere dove un detenuto ha fatto scoppiare un incendio nella cella provocando seri danni all’interno del vano. Il fuoco ha attaccato alcune suppellettili mentre il fumo sprigionato ha intossicato altri reclusi e tre agenti intervenuti che hanno riportato anche qualche piccola ustione e contusioni nel tentativo di bloccare l’uomo. Autore dell’incendio, innescato con un fornellino, un georgiano trentenne, finito in carcere per una serie di furti.

Lo straniero è entrato in carcere agli inizi di agosto e, da allora, avrebbe dato molto filo da torcere al personale di polizia penitenziaria più volte Continue reading


Ago 24 2013

Carcere Vercelli: detenuti appiccano incendio

cordatesaDue detenuti stranieri, finiti in manette per reati a sfondo sessuale, hanno appiccato le fiamme nella loro cella. A darne notizia è il sindacato Sappe. Non sarebbe il primo caso: dieci giorni fa, infatti, era accaduto un episodio analogo.

Le conseguenze – ha spiegato il segretario generale del Sappe Donato Capece – sono state contenute grazie al sangue freddo e al senso del dovere delle donne e degli uomini della polizia penitenziaria”.Secondo il sindacato è necessario recuperare “il tempo perso” riguardo l’elevato numero di stranieri detenuti e avviare Continue reading


Ago 22 2013

Carceri: uomo si impicca a Prato, fiamme a Sollicciano

cordatesaUn uomo di 45 anni, arrestato per rapina e in attesa di giudizio, si e’ suicidato ieri nel carcere di Prato. Ha aspettato che gli altri detenuti uscissero dalla cella per l’ora d’aria e si e’ impiccato. “La notizia dell’ennesimo detenuto suicida – commenta Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria – questa volta nel carcere di Prato, e’ sempre una sconfitta per lo Stato. Essendo l’ennesimo tragico caso di morte in carcere, bisognerebbe darsi concretamente da fare per un ripensamento complessivo Continue reading


Apr 11 2013

Fiamme in una cella al Ferrante Aporti, ma la nuova struttura ha gli idranti ‘a secco’


aTORINO – Un giovane detenuto ha appiccato un incendio all’interno di una cella del carcere minorile di Torino ‘Ferrante Aporti‘. Le fiamme hanno fatto scattare l’allarme antincendio e, quando gli agenti hanno provato a spegnerle utilizzando gli idranti, si sono resi conto che questi non erano funzionanti. Erano ‘a secco’.

L’incendio è stato comunque domato facendo ricorso agli estintori della vecchia struttura. L’episodio è stato denunciato dall’Osapp, Organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria, che ha chiesto all’amministrazione se la nuova struttura, inaugurata circa un anno fa, sia stata collaudata.

La giustizia minorile va completamente riorganizzata” sottolinea il segretario generale del sindacato, Leo Beneduci, che accusa il ministro Severino di essere “del tutto assente” rispetto ai gravi problemi dei penitenziari italiani. “E intanto – conclude – la polizia penitenziaria è abbandonata a sé stessa”.

Fonte


Apr 3 2013

Appicca incendio nel carcere di Vicenza

fire-wallpapers_27436_1920x1080Intorno alle 11.15 un detenuto extracomunitario, recluso nella Casa Circondariale di Vicenza, ha appiccato il fuoco nella propria cella. A seguito del denso fumo uscito dalla seconda sezione del carcere, i detenuti sono stati mandati ai cortili passeggi. Il rapido intervento degli agenti di Polizia Penitenziaria ha permesso di mettere in salvo il detenuto, chiuso in bagno con un asciugamano bagnato sulla testa. E’ stato tratto in salvo dai baschi azzurri intervenuti, che hanno quindi spento il fuoco con un estintore mentre altri detenuti venivano messi in salvo.

Dopo alcuni minuti sono giunti anche i Vigili del Fuoco, quando l’incendio era stato ormai domato. Due agenti sono stati accompagnati al Pronto Soccorso per accertamenti, intossicati dal fumo. Il detenuto e’ stato visitato dal medico di guardia e trovato in buone condizioni, tanto che per lui non e’ stato chiesto il ricovero in ospedale. L’incendio, a quanto si e’ appreso, e’ stato appiccato in piu’ punti contemporaneamente. Tutti i detenuti sono stati fatti rientrare nelle proprie celle e la situazione e’ tornata alla normalita’.

Fonte Adnkronos


Mar 31 2013

Detenuto appicca rogo, salvato da agenti

fuoco(ANSA) – CAGLIARI, 31 MAR – Ieri sera un detenuto ha appiccato un rogo nel piccolo reparto del Centro clinico del carcere di Buoncammino, a Cagliari, dove si trovava in stato di osservazione. Il gesto non ha avuto un epilogo drammatico grazie al tempestivo intervento dei baschi blu. “Ha appiccato l’incendio nella propria camera – ha spiegato il coordinatore Uil Penitenziari di Cagliari, Roberto Todde – ma il coraggio degli agenti ha permesso di mettere in salvo l’uomo, gli altri detenuti e contrastare le fiamme”.