Nov 14 2014

Due giorni contro il carcere e presidio sotto Piazza Lanza

2gg contro il carcere

 

Continue reading


Ott 27 2013

Giornata di rivolta dei migranti a Mineo

cordatesaMomenti di tensione, il 22 ottobre, a Mineo (Catania) per via della protesta inscenata dagli immigrati ospiti del centro di accoglienza Cara; solo grazie all’intervento delle forze dell’ordine è stato possibile riportare tutto alla normalità.

Gli immigrati hanno deciso di protestare per via dei tempi, da loro ritenuti troppo lunghi, per riuscire ad ottenere il riconoscimento dello status di rifugiato Continue reading


Ott 14 2013

Catania, immigrati siriani in fuga

cordatesaImmigrati in fuga dal Palaspedini, l’impianto sportivo del rione Cibali di Catania. Sono centinaia di siriani arrivati 5 giorni fa dopo essere stati recuperati a 60 miglia dalle coste siracusane da un mercantile battente bandiera panamense, il “Begonia G.”. Tra loro anche 63 donne e 79 minorenni. Uscendo dalla struttura, scavalcando cancelli e saltando da finestre, hanno chiesto ai passanti indicazioni per potere  Continue reading


Ott 9 2013

Catania: scappa dal bagno del commissariato per evitare carcere

cordatesa(Adnkronos) – A Catania, un uomo di 42 anni, già agli arresti domiciliari, e’ stato arrestato dopo aver finto un impellente bisogno fisiologico per tentare la fuga dagli uffici del commissariato di polizia di Nesima dove gli agenti gli dovevano notificare una ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’uomo, che ha precedenti penali per rapina, evasione, ricettazione e maltrattamenti in famiglia, e’ stato Continue reading


Feb 16 2013

Istituto penale minorile, cinque detenuti con la scabbia

Secondo Rosario Di Prima, vicesegretario regionale del sindacato autonomo della polizia penitenziaria Osapp, cinque detenuti dell’Istituto Penale Minorile di Catania pare abbiano contratto la scabbia.

scabbia“Il sistema penitenziario italiano è stato più volte sanzionato per le condizioni disumane relativamente al suo sovraffollamento e l’assenza di spazi idonei al trattamento e reinserimento sociale dei detenuti. Erano anni che nella nostra regione non si sentiva che forme virali interessassero un numero elevato di detenuti”.

“Situazioni di questo genere non possono essere considerati casi sporadici o poco significativi. Siamo fortemente preoccupati che si possa già parlare di epidemia. Se epidemia dovesse essere, la nostra preoccupazione aumenta in relazione alla possibilità di contagio anche nei confronti del personale di polizia penitenziaria. Ed è per questo che chiediamo all’amministrazione di volere provvedere in tempi rapidi alla giusta profilassi. Riteniamo superfluo, inoltre, ricordare che tutti gli opportuni esami clinici e l’eventuale prevenzione sanitaria non dovranno gravare sul bilancio economico dei poliziotti. Cogliamo l’occasione per allertare l’amministrazione penitenziaria del settore adulti nel porre maggiore attenzione ai controlli ma soprattutto alla prevenzione di simili possibili contagi”.

Fonte


Gen 31 2013

Catania, Muore in carcere per infarto

Morto un boss di peso della violenta mafia della provincia di Caltanissetta. Si tratta di Rosario Lombardo, considerato personaggio di spicco di Cosa nostra di Niscemi, deceduto per infarto nel carcere di Catania, a Bicocca, all’età di 52 anni.

infarto-2-380x270Era finito in cella con l’accusa di associazione mafiosa e per avere progettato di uccidere i figli, due dei quali ancora minorenni, di due collaboratori di giustizia niscemesi, pronti a fare luce sull’organizzazione criminale e sulle strategie economie del clan.

Lombardo era chiamato “Saru cavaddu” ed era ritenuto un boss influente nella determinazione degli equilibri mafiosi. Oggi i funerali del boss nella sua Niscemi: durante le esequie un ladro ha tentato di rubare nell’abitazione di uno dei partecipanti al rito, ma, sorpreso dal proprietario e da conoscenti, è stato linciato.

Fonte


Gen 29 2013

Catania: agente di polizia penitenziaria ferito in rissa tra detenuti nell’Ipm di Acireale

009 testa a testa comicoUn agente di polizia penitenziaria è rimasto ferito durante una rissa tra detenuti dell’istituto per minorenni di Acireale. Lo rende noto la Fns-Cisl di Catania. “Oggi poteva scapparci il morto – afferma il segretario del sindacato, Antonio Sasso – i pochi uomini rimasti sono allo stremo delle forze sia fisica che psicologica, per i continui turni massacranti scaturiti da tale carenza. O si invia subito un folto contingente di agenti – osserva il sindacalista – oppure l’Istituto penitenziario per minorenni di Acireale deve essere accorpato urgentemente con la struttura di Bicocca, a Catania”.

ANSA