Lug 16 2013

Le ultime parole dei condannati a morte

cordatesaCome se la notizia e le immagini delle esecuzioni nel braccio della morte non bastassero, il Dipartimento di giustizia criminale del Texas ha deciso di pubblicare online tutte le ultime dichiarazioni dei condannati alla pena capitale. Le parole diffuse in Rete svelano in alcuni casi la vena poetica del prigioniero. In altri casi contengono le scuse per il male commesso. Oppure denunciano la crudeltà della punizione subita.

500 GIUSTIZIATI IN TEXAS – La sconcertante iniziativa arriva nel momento in cui, a giugno, Continue reading


Apr 10 2013

Usa: giustiziato in Texas detenuto da 19 anni nel braccio della morte

detail-inieizione letale (1)Washington, 10 apr – Il cinquantenne Rickey Lewis, detenuto da 19 anni nel braccio della morte per aver ucciso nel 1990 George Newman e averne successivamente violentato la moglie, e’ stato giustiziato in Texas.

Lewis, condannato nel 1994 alla pena capitale, e’ stato dichiarato morto per iniezione letale alle 18.32 (ora locale) dal Dipartimento della Giustizia Criminale del Texas.

L’uomo, reo confesso della violenza carnale, ha sempre negato la responsabilita’ per omicidio.

L’esecuzione di Rickey Lewis e’ la seconda nello stato del Texas dall’inizio dell’anno.

Fonte


Apr 2 2013

Iraq: eseguire quattro condanne a morte, comminate per reati di terrorismo

Cappio-001Il ministero della Giustizia iracheno ha annunciato che sono state eseguite le condanne a morte comminate all’ex leader di al-Qaeda a Baghdad, Munaf Abdul Raheem al-Rawi, e ad altri tre detenuti accusati di terrorismo. ‘Le esecuzioni dei quattro terroristi sono state portate a termine per impiccagione, sono state eseguite per il loro ruolo nella guida di gruppi terroristici che hanno pianificato e sferrato un gran numero di attacchi criminali contro la popolazione in varie province’, si legge in una nota del ministero di Baghdad. Al-Rawi era stato arrestato nella capitale irachena nel marzo di tre anni fa ed e’ stato condannato a morte per la pianificazione di una serie di attacchi contro ministeri, alberghi, ambasciate e luoghi di culto islamici e cristiani.

Fonte: Adnkronos


Mar 1 2013

Cina: in diretta tv trasferimento al patibolo di banda narcotrafficanti

Esecuzioni-in-Cina-da-Amnesty-International_imagelarge(ASCa-AFP) – Beijing, 1 mar – La televisione di Stato cinese, la Cctv, ha trasmesso in diretta il trasferimento di quattro detenuti condannati a morte e diretti al patibolo.

I quattro sono colpevoli di aver rapito e ucciso 13 turisti cinesi sul fiume Mekong lo scorso anno.

Il narcotrafficante birmano Naw Kham – capo dell’organizzione operante in Cina, Laos, Birmania, Tailandia, Cambogia e Vietnam – e’ stato il primo ad essere inqadrato dalle telecamere alle quali ha rivolto un sorriso prima di entrare nel blindato della polizia cinese, seguito dai suoi complici, tutti accusati di omicidio volontario, traffico di droga e squestro di persona.

I media cinesi hanno precisato che la polizia inizialmente aveva programmato un attacco con i droni per uccidere Naw Kham – considerato uno dei ”signori della droga” del sud-est asiatico e soprannominato ”il padrino” – per poi cambiare idea e tentare di catturarlo vivo in Birmania.


Feb 19 2013

Iran: nuova ondata esecuzioni, tre omosessuali impiccati a Shiraz

impiccatiSette persone sono state giustiziate nelle ultime ore in Iran, nell’ennesima ondata di esecuzioni a pochi mesi dalle elezioni presidenziali. Tra i detenuti saliti al patibolo ci sono anche tre omosessuali, impiccati in pubblico a Shiraz, nella regione centro – meridionale della Repubblica Islamica, per i reati di sodomia e rapina. A riferirlo è il sito ufficiale della magistratura della provincia di Fars, secondo cui le esecuzioni dei detenuti, identificati solo con le iniziali H.A., Y. F. e M.V. sono avvenute in una delle piazze centrali della città. Un altro giovane di 29 anni è stato giustiziato, sempre a Shiraz, con l’accusa di stupro e rapimento. Stando all’agenzia d’informazione “Irna”, inoltre, quattro trafficanti di droga sono stati impiccati nel carcere di Arak ieri mattina. I giustiziati erano tutti stati condannati a morte per traffico di oppio ed eroina. Omicidio, stupro e traffico di droga sono alcuni dei reati punibili con la pena di morte nella Repubblica Islamica.

Fonte Aki