Mar 4 2017

Prigioniere | Cagliari – Maddalena Calore incarcerata a Uta

In attesa di maggiori informazioni, apprendiamo dalle veline riportate spettacolarmente dai media locali dell’arresto della compagna anarchica Maddalena Calore.

Da quanto si può intendere, durante la notifica e l’esecuzione di misure cautelari in carcere per una precedente condanna, perquisendo l’abitazione dove si trovava, i segugi della polizia avrebbero ritrovato materiale da utilizzare per condirne l’arresto.

Poco importa se la compagna avesse a casa materiale più o meno utile per attaccare questo mondo, ma è difficile fare luce tra le roboanti costruzioni di questurini e pennivendoli, dove in preda a frenesia cazzara, una pistola giocattolo per il softair diventa “una pistola”, mentre 5 petardi possono trasformarsi da bombe carta fino a “5 candelotti in grado di fare saltare in aria una macchina”.

Invitiamo chiunque avesse aggiornamenti e maggiori informazioni a scrivere a informa-a@autistici.org

Per scrivere alla compagna:

Maddalena Calore
Casa Circondariale di Uta
Strada II Ovest – 09010 Uta (Cagliari)

qua sotto l’articolo Continue reading


Mag 25 2013

Svizzera – Arrestata la compagna Andy del Soccorso Rosso Internazionale

diffondiamo da informa-azione

cordatesaApprendiamo che Andi, compagna del Revolutionaerer Aufbau e del Soccorso Rosso Internazionale, è stata messa agli arresti da lunedì 13 maggio 2013 nel carcere di Winterthur, vicino a Zurigo. Oltre a esprimere la nostra solidarietà verso una compagna in prima linea contro il capitalismo e le sue galere, attenta e vicina a prigioniere e prigionieri rivoluzionari in giro per il mondo, invitiamo a scriverle e a farle sentire le nostre voci.

Per scrivere alla compagna:

Andrea Stauffacher
Palmstr. 2
CH – 8411 Winterthur
Svizzera



Comunicato di solidarietà da Compagni e Compagne per la Costruzione del Soccorso Rosso in Italia:

Svizzera: il nostro segretario internazionale entra in prigione
Ieri, Andrea “Andi” Stauffacher membro dell’organizzazione Revolutionaerer Aufbau, del Soccorso Rosso svizzero, e della segreteria internazionale del Soccorso Rosso Internazionale, è stata incarcerata nella prigione di Winterthur. Andi era stata condannata nel novembre 2011 a diciassette mesi di prigione dal tribunale penale di Bellinzona per “danni alla proprietà e impiego di esplosivi con intento delittuoso”. Si trattava dell’uso di fuochi d’artificio per attacchi che avrebbero causato danni al consolato spagnolo di Zurigo (azione compiuta in solidarietà con uno sciopero della fame dei prigionieri rivoluzionari in Spagna) e contro un immobile che ospita locali della polizia.

Una traccia parziale di DNA, rinvenuta sui luoghi, corrisponderebbe al suo profilo di DNA, come si era stabilito nel 2002, ma, secondo la legge, quest’ultimo profilo non avrebbe dovuto essere conservato così a lungo. Il tribunale federale su questo punto ha dato ragione agli avvocati: la prova era illegale. Ma il tribunale ha infine confermato la condanna, dichiarando che se la polizia avesse proceduto legalmente (facendo un nuovo prelievo di DNA) il risultato sarebbe stato lo stesso… E’ stato presentato un nuovo ricorso, ma, a differenza dal precedente, non è sospensivo e la nostra compagna è stata quindi incarcerata.


Mag 8 2013

Non basta una firma + aggiornamenti arresti e repressione

diffondiamo da Macerie

volantino_marianna_webSabato mattina la polizia ha nuovamente arrestato Marianna, una delle tre compagne finite in carcere in seguito all’occupazione dell’Unep dell’11 marzo. Il giudice ha sostituito l’obbligo di firma quotidiana – misura cui Marianna era sottoposta da quando era stata scarcerata – con la custodia cautelare in carcere. Secondo pm e polizia, a quanto pare, una denuncia per resistenza e lesioni risalente a due settimane fa dimostrerebbe che una firma al giorno non è sufficiente a tenerla a bada.

Per chi volesse scriverle, Continue reading