Ott 20 2013

Amnesty: in Nigeria centinaia di sostenitori di Boko Haram uccisi in carcere senza un giudizio

cordatesaIn Nigeria, negli ultimi sei mesi, diverse centinaia di persone sono morte in carcere, detenute in seguito a una vasta operazione dell’esercito contro gli insorti islamici di Boko Haram. I prigionieri – sembra fossero 950 – sono morti di stenti senza un giudizio. E’ quanto denuncia l’organizzazione umanitaria Amnesty International, che chiede al governo locale un’inchiesta immediata. Boko Haram è il gruppo che si è macchiato di gravi violenze nel nord della Continue reading


Ott 18 2013

Corea del Nord: test armi chimiche su prigionieri politici e bambini disabili

cordatesaLa Corea del Nord usa i prigionieri politici per testare armi chimiche. La pesante accusa viene mossa dal sito 38 North, gestito dall’Istituto Usa-Corea della Johns Hopkins School di studi internazionali avanzati, e si basa sulla testimonianza di prigionieri ed ex guardie che hanno disertato.

Uno dei disertori che ha prestato servizio del Continue reading


Ago 22 2013

Egitto, 38 musulmani detenuti uccisi nel blindato durante trasferimento

cordatesaSembrava essere stata una giornata tranquilla in Egitto. La prima dopo un mese di continui giorni di tensione e dopo centinaia di morti negli ultimi quattro giorni. Una giornata di tregua senza vittime e con manifestazioni tutto sommato pacifiche rispetto agli standard sanguinosi degli scorsi giorni. Poi oggi pomeriggio è arrivata la notizia di un’altra stage di uomini della fratellanza musulmana. Trentotto detenuti sono stati uccisi su un blindato che li trasportava da un carcere all’altro.

Non è ancora chiara la dinamica che ha portato alla morte degli uomini della fratellanza ma il bilancio è stato dato da fonti governative. Contrastanti le versioni sull’accaduto. Di certo si sa che un Continue reading


Mag 11 2013

Iran: sei detenuti giustiziati ed un giovane di 24 anni fustigato in pubblico

cordatesaMassiccia repressione e arresti di giovani e donne con l’approssimarsi delle elezioni presidenziali-farsa. Il disumano regime dei mullah ha mandato all’impiccagione pubblica tre detenuti a Kermanshah il 6 Maggio (agenzia di stampa di Stato Fars). Anche il 7 Maggio altri tre detenuti della prigione centrale di Isfahan sono stati impiccati (Unità Centrale per le News del regime). Nello stesso giorno, un giovane di 24 anni ha subito 110 frustate in pubblico. Gli aguzzini dei mullah lo avevano fatto sfilare nelle strade della città di Abyek in maniera umiliante prima di fustigarlo pubblicamente.
Il brigadiere Ahmad Reza Radan, vice-comandante delle Forze di Sicurezza dello Stato (FSS) ha annunciato che i piani di “pubblica sicurezza” verranno implementati da metà Maggio a Tehran e in 17 altre maggiori città come Isfahan, Shiraz, Kerman e Hamadan nonché nelle provincie di Alborz, Khorassan, Mazandaran, Gilan e Golestan. Basandosi su questo piano repressivo, un gran numero di giovani vengono arrestati con Continue reading