Dic 17 2013

Torino – Resoconto del presidio No Tav in solidarietà con Chiara, Mattia, Niccolò e Claudio

diffondiamo da macerie

cordatesaDecine di agenti in borghese che pattugliano l’area attorno alle Vallette e le principali vie di accesso al carcere, fermando e perquisendo macchine su macchine, trecento celerini (25 sono infatti i blindati che qualche manifestante ha contato) schierati nei tre punti dove solitamente si svolgono i presidi anticarcerari per impedire ai solidali di avvicinarsi troppo alle inferriate. E dietro le inferriate un bell’idrante, che non si sa mai. Questo lo schieramento predisposto Continue reading


Set 15 2013

Bologna – Resoconto presidio 8/9/2013 sotto carcere della Dozza in supporto alla mobilitazione dei detenuti

diffondiamo da informa-azione

cordatesaDomenica 8 settembre si è tenuto un presidio informativo sotto le mura del carcere della Dozza. Una trentina di compagni,provenienti anche da altre città, ha salutato i prigionieri con interventi al microfono, slogan e musica.

Lo scopo del presidio è stato quello d’informare i detenuti della mobilitazione promossa dal “Cordinamento dei detenuti” che prevede lo sciopero del carrello dal 10 al 18 settembre e altre forme di protesta dal 19 al 30 settembre.

Sono stati letti i comunicati Continue reading


Mag 25 2013

Madrid: Cronaca della concentrazione anti-carceraria in memoria di Xosé Tarrío

diffondiamo da contrainfo

anarchyXosé Tarrío era una delle tante persone che, nascendo in una famiglia povera e umile di un quartiere di La Coruña, è stato vittima della esclusione di classe di una società ipocrita che costruisce la sua moralità sulla base della disuguaglianza e l’ingiustizia, la violenza e la miseria che derivano dall’arricchimento di coloro che legiferano ogni aspetto della vita sociale reprimendo qualsiasi differenza o dissenso e riempiendosi poi la bocca parlando di democrazia, libertà e rispetto.

Spinto alla delinquenza, passa più volte tanto per centri minorili come per le prigioni, dove insieme al suo rifiuto della figura autoritaria sviluppa, nel corso del tempo, una coscienza anarchica. Queste posizioni, insieme Continue reading