Mar 13 2014

Leonard Peltier, indiano d’America, da 38 anni nelle carceri di massima sicurezza statunitensi

fiedler_il-ritorno-del-pellerossa_h_partb

Nasce nel 1944 e già dalla sua infanzia capisce che la vita per i nativi d’America è dura, tra miseria, razzismo, emarginazione.Cresce anche in un istituto dove conosce la prima “istituzione totale”, ma ha un buon carattere e la sua gioventù è carica di socialità, mentre impara a riparare vecchie automobili. Ma sono gli anni in cui la comunità indiana comincia ad alzare la testa e si organizza. Nasce l’AIM, American Indian Movement, di cui dopo poco Peltier entra a far parte.

Continue reading


Feb 13 2013

Ecuador – 19 detenuti fuggiti dalla prigione La Roca

E ‘collegato alla prigione costiera (km 19 della strada per Daule) ed è conosciuto come La Roca, può essere considerato un carcere di massima sicurezza, tuttavia, ieri, attorno alle 19:00, diciannove detenuti sono riusciti a fuggire dalla parte posteriore, da informazioni ufficiali.

 Three-prisoners-escape-from-Haripur-prisonNé le autorità penitenziarie, né i membri delle Forze Armate e speciali gruppi operativi (GOE) di intervento e di soccorso (GIR), che, hanno fatto parte della ricerca degli evasi, hanno dato informazioni.

Il colonnello William Ramos, capo della operazione di ricerca, ha detto che in effetti i fuggitivi erano 19 e che appartenevano ai gruppi criminali noti come I Choneros, Zambrano, Vernaza e Lopez, considerati altamente pericolosi. Viene anche menzionato Caranqui Oscar, che sta scontando una condanna per narcotraffico.

Sul suo account Twitter, il Ministero della Giustizia ( @ Justicia_Ec ) ha confermato la fuga e che si indaga su quelli appartenenti al gruppo dei Los Choneros, ma ha negato che tra loro c’ era Caranqui.

Durante questa trascrizione di stampa si sa che la zona è stata transennata. Non è stato stabilito per quanto tempo l’operazione di rastrellamento andrà avanti, ma sicuramente fino quando  la ricerca all’interno e all’esterno della prigione si sarà dimostrata esauriente.

Fonte


Gen 15 2013

Sudafrica: detenuti danno fuoco ad un carcere, in fiamme ala di massima sicurezza

8 gennaio 2013 – Un gruppo di detenuti ha appiccato il fuoco ad una ala di massima sicurezza di un penitenziario situato nel centro del Sudafrica. Lo si apprende da una responsabile delle carceri.

africa“Dei detenuti hanno dato fuoco ad una ala di massima sicurezza del penitenziario di Groenpunt”, ha dichiarato all’Afp Grace Molatedi, vice commissario regionale delle carceri nella provincia dello Stato Libero senza fornire dettagli su eventuali vittime o danni. Il numero dei detenuti non è stato comunicato. A novembre, due prigionieri avevano preso in ostaggio un medico e una infermiera in un carcere privato della stessa regione, nei pressi di Bloemfontein. L’infermiera era stata rilasciata rapidamente mentre il medito era stato tenuto in ostaggio per una ventina di ore.

Nove guardie e 50 detenuti feriti

Cinquanta prigionieri e nove secondini sono rimasti feriti ieri sera nel corso di una rivolta scoppiata in un carcere sudafricano. È quanto ha annunciato oggi la polizia. Le forze dell’ordine hanno fatto irruzione nel penitenziario, utilizzando granate assordanti, per riprendere il controllo di una sezione di massima sicurezza della prigione di Groenpunt, nella provincia dello Stato Libero dove i rivoltosi avevano appiccato il fuoco e eretto delle barricate.

“Cinquanta prigionieri e nove secondini sono rimasti feriti ma non è morto nessuno e nessuno è stato colpito da proiettili”, ha dichiarato il portavoce della polizia, Peter Kareli. Questa sezione della prigione conta 750 prigionieri. Secondo gli investigatori, i detenuti hanno criticato la qualità del cibo e rifiutato di prendere i pasti a fine pomeriggio prima di attaccare i secondini e dare fuoco a delle celle. La rivolta ha causato ingenti danni alla prigione. A novembre, due detenuti avevano preso in ostaggio un medico e una infermiera in una prigione privata nella stessa regione, nei pressi di Bloemfontein. L’infermiera era stata rilasciata rapidamente mentre il medico era rimasto nelle mani dei detenuti per una ventina di ore.

Fonte: ristretti.org