Giu 18 2013

80enne ruba pane al supermecato: condannata a 2 mesi di carcere

cordatesaUna signora anziana è stata condannata per aver rubato del pane al supermercato.

Una vicenda a dir poco vergognosa arriva in queste ore da Genova e vede protagonista, suo malgrado, una povera donna di soli 80 anni la quale da diverso tempo con i soli soldi della pensione non riesce più a vivere.

La donna, che percepisce solo 500 euro di pensione, è stata scoperta qualche giorno fa all’interno di un supermercato locale mentre rubava diversi generi alimentari, tra cui:pane, pasta, carne, biscotti Continue reading


Mag 30 2013

82enne malato di cancro in cella insieme a 15 persone

cordatesaUn anziano di 82 anni malato di tumore alla prostata, alla vescica e alla gola è rinchiuso in un cella del carcere di Rebibbia, dove deve scontare una pena di tre anni, con altre 15 persone. E’ l’ennesimo caso dovuto al sovraffollamento delle carceri italiane denunciato questa volta dal Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni al Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Roma. La vicenda, scoperta dai collaboratori del garante che si erano recati nel carcere della Capitale per un controllo di routine, ha portato alla luce anche in una altro particolare. Nella segnalazione del garante, dove si chiede di valutare la possibilità di applicare a quest’uomo una misura alternativa alla detenzione in carcere, si segnala Continue reading


Mag 22 2013

Aveva trascorso in carcere 40 anni della sua vita. E’ morto 2 giorni fa alla Molinette di Torino. Si chiamava Giuseppe Ciulla

Diffondiamo da Insorgenze

 

cordatesaL’avevo conosciuto al Mammagialla di Viterbo tra il 2003 e il 2004. Veniva dal Penale di Rebibbia da dove era stato allontanato perché considerato indesiderabile. Finire al Mammagialla voleva dire una cosa sola: trovarsi in punizione. La casa circondariale di VIterbo era (e da quanto ne so ancora non è cambiata) un “istituto eminentemente custodiale”, che tradotto vuol dire con un regime detentivo rigido: celle sempre chiuse, poche attività “trattamentali”, accesso a misure alternative e benefici pressoché nullo. Insomma un carcere punitivo dove si sta chiusi e basta.
Ma Giuseppe Ciulla, così si chiamava, per così poco non si scoraggiava affatto. Ne aveva viste di molto Continue reading