Apr 16 2013

Carceri: Sulmona, agente salva internato

Svenimento1Un internato 50enne della provincia di Napoli e’ stato salvato dall’intervento di un poliziotto penitenziario in servizio presso il reparto penale del carcere di Sulmona. L’uomo era riverso nella sua cella privo di sensi e in arresto cardiocircolatorio quando e’ stato notato dal poliziotto che ha dato l’allarme. L’intervento immediato ha evitato il peggio. Sulle cause che hanno portato al malore del 50enne che ha problemi di tossicodipendenza, sono in corsi indagini.

Fonte ANSA


Apr 3 2013

Sulmona, internato ‘evade’ nel giorno di Pasqua

Pasqua-2013-a-RomaUn assistente capo di polizia penitenziaria di stanza del carcere di Sulmona ha fermato e arrestato a Pasqua un internato che si era reso irreperibile dopo essere uscito in licenza premio dal penitenziario Peligno e nel quale non era rientrato alla scadenza del periodo concessogli.

Alle 6.30, mentre si stava recando al lavoro per svolgere il suo turno di servizio, ha notato l’uomo in zona stazione e lo ha subito fermato. Il 50enne è stato ricondotto nella casa di reclusione per essere sottoposto all’internamento, dopo essere stato dichiarato socialmente pericoloso.Il pugliese rischia per l’infrazione fatta la proroga della misura di sicurezza e la mancata attribuzione di ulteriori licenze.

Fonte


Mar 22 2013

Sulmona. Rubava i soldi dalla posta dei detenuti, poliziotto a processo

oSULMONA (L’AQUILA), 21 MAR – Ritirava la posta del carcere, rubando poi i soldi di alcuni dei vaglia destinati ai detenuti: protagonista della vicenda un agente di polizia penitenziaria, M.C. di 47 anni, sospeso dal servizio a Sulmona, rinviato a giudizio con l’accusa di peculato.

A far partire l’inchiesta sono stati proprio alcuni reclusi che aspettavano soldi per Natale dai parenti.

Denaro che, secondo le accuse, l’imputato avrebbe trattenuto per sé: dopo aver ritirato la posta, l’agente di polizia penitenziaria, separava i vaglia dalle lettere per poi tornare il giorno dopo all’ufficio postale a cambiarli, con i detenuti ad attendere invano l’arrivo dei soldi dei parenti.

Fonte