Feb 21 2013

Chico Forti: in carcere da 13 anni

 

Il caso di Chico Forti, condannato per omicidio ma senza prove

chico In questo articolo voglio far conoscere  un caso che, come l’omicidio di Meredith Kercher, ha collegato le giurisdizioni di Paesi differenti, divenendo un fatto di cronaca internazionale. È la storia di un italiano, Enrico Forti, detto “Chico”, da tredici anni rinchiuso in un carcere di massima sicurezza a Miami, condannato all’ergastolo per omicidio.

Il giovane Forti, originario di Trento, campione internazionale di windsurf, si trasferì nel ’92 negli Stati Uniti, dopo aver vinto una importante cifra nel famoso gioco televisivo chiamato “TeleMike”.

Con questa vincita, Forti iniziò la sua nuova vita a Miami, dove intraprese la carriera di filmaker e produttore, attività che gli permisero di accumulare una piccola fortuna. Sposò una giovane modella, Heather Crane, dalla quale ebbe tre figli.

Il ragazzo di Trento sembrò aver realizzato il sogno americano. Ma il suo spirito intraprendente e il suo fiuto per gli affari non lo ripagarono adeguatamente. La fortuna presentò ben presto il conto.

Thomas Knott, tedesco, malfattore, arrestato per droga e varie truffe in Germania, era il vicino di casa di Forti a Williams Island, Miami.

Tramite Knott, Forti conobbe Anthony Pike, un australiano, proprietario di un famoso albergo di Ibiza, in Spagna, il Pikes Hotel.

Tony Pike era in una situazione economicamente difficile, la sua attività era in passivo, il suo albergo, che all’inizio degli anni ’90 era frequentato da gente dello spettacolo, lo portò ad indebitarsi fortemente.

Perciò a Forti venne offerto di acquistare il Pikes. Intanto il figlio di Tony, Dale, di ritorno dalla Malesia, venne invitato a Miami, dove sperava di intraprendere una nuova carriera nel mondo del cinema grazie all’aiuto di Chico.

Il giovane Pike arrivò a Miami il 15 febbraio 1998 e dopo un incontro con Forti, che andò a prelevarlo dall’aeroporto, i due si separarono nel parcheggio di un ristorante a Key Biscayne, dandosi un appuntamento il 18 febbraio, quando si sarebbero incontrati con il padre di Dale.

Il giorno successivo, il 16 febbraio, Dale venne trovano morto e denudato in un boschetto a Sewer Beach, una spiaggia molto conosciuta dai surfisti.

Il 18 febbraio Forti, che si trovava a New York, venne a conoscenza della morte di Dale e rientrò a Miami. Si presentò alla polizia, dove gli confermarono della morte di Dale e gli comunicarono la scomparsa, non vera, di Anthony.

Ed è qui che Forti commise il suo grande errore. Terrorizzato dalla notizia della morte di due delle persone a lui più vicine, affermò di non aver mai incontrato il giovane Pike.

Il 20 febbraio si ripresentò alla polizia, senza l’assistenza di un legale, per consegnare alle autorità i documenti riguardanti i suoi affari con il padre della vittima. Dopo un estenuante interrogatorio durato 14 ore, dichiarò di aver incontrato Dale poche ore prima della sua morte e di averlo accompagnato al ristorante in Virginia Key.

Forti venne arrestato in un primo momento con l’accusa di frode, circonvenzione di incapace e concorso in omicidio.

Assolto successivamente da ogni accusa di frode, tornò libero per venti mesi, ma con una cauzione da record: un milione di dollari.

Le indagini sulla morte di Dale continuarono. La macchina di Forti venne minuziosamente controllata, finché 45 giorni dopo l’omicidio i periti trovarono sul gancio di traino dell’auto alcuni granelli di sabbia, che secondo l’accusa provenivano da Sewer Beach, la spiaggia dove venne trovato il corpo senza vita di Pike. Secondo la perizia della difesa quei granelli non ricollegavano direttamente l’auto alla spiaggia, essendo comune alla sabbia di molte altre spiagge della zona.

L’arma del delitto, mai ritrovata, risultò compatibile con una pistola, che fu acquistata da Tom Knott (ve lo ricordate?) con la carta di credito di Forti.

Secondo l’accusa Forti aveva un movente. Temeva che Dale potesse interferire con le trattative per l’acquisto dell’albergo. Forti intendeva comprarlo a basso costo da Tom Pike, ormai vecchio e demente. Così invitò Dale a Miami e “lo condusse verso la morte”.

Il 15 giugno del 2000 i dodici giurati della contea di Miami Dade emisero il verdetto: COLPEVOLE!

La Corte non ha le prove che lei sig. Forti abbia premuto materialmente il grilletto, ma ho la sensazione, al di là di ogni dubbio, che lei sia stato l’istigatore del delitto. I suoi complici non sono stati trovati ma lo saranno un giorno e seguiranno il suo destino. Portate quest’uomo al penitenziario di Stato. Lo condanno all’ergastolo senza condizionale”!

Una sensazione, quindi. Una sensazione che ha prodotto la morte civile di un italiano, per molti assolutamente innocente.

Con gli anni il movimento dei sostenitori di Chico è cresciuto notevolmente, soprattutto grazie alla rete e ai numerosi gruppi che sono sorti sui social network e che hanno svolto un’intensa opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul caso Forti.

Da Jovanotti a Fiorello, fino ad arrivare alla criminologa Roberta Bruzzone, che nel suo ultimo libro, “Chi è l’assassino – Diario di una criminologa”, sostiene la tesi dell’innocenza di Chico e della presenza di un complotto. Le motivazioni dell’accusa cedono davanti al ragionamento della criminologa, che in un dossier diretto all’ex ministro degli Affari Esteri, Giulio Terzi, chiede che venga riaperto il caso e che giustizia sia fatta.

Il finale di questo giallo è ancora tutto da scrivere e forse, con l’intervento delle autorità italiane, si potrà far luce su questa storia e portare alla liberazione di Chico o alla conferma della condanna ma “al di là di ogni ragionevole dubbio”.

Fonte


Dic 17 2012

Corteo contro la repressione

Il corteo finirà sotto il carcere di S.Vittore
Il 27 ottobre a Cusago un rave party viene duramente represso con un
violento attacco della celere. Il bilancio dell’operazione riporta una
ragazza in coma per diversi giorni, un cane ucciso e decine di ragazz*
feriti, diversi dei quali gravi. Nel sostanziale silenzio dei media, che
si sono limitati a riportare il comunicato della questura, si è
realizzato uno degli atti di polizia più violenti e insensati degli
ultimi anni. L’operazione evidenzia chiare responsabilità da parte della
Questura di Milano con l’avallo del DPA (Dipartimento delle Politiche
Antidroga), responsabile di una dura politica repressiva e
proibizionista. Le violenze di quel giorno, giustificate con motivazioni
ipocrite sulla tutela della salute dei partecipanti, hanno avuto il
chiaro intento di criminalizzare e reprimere un’esperienza libera ed
auto-organizzata.

L’attacco si inquadra in un contesto più ampio di crescita delle azioni
repressive, dalle quali si evince chiaramente quale sia la risposta
messa in campo dalle istituzioni nella gestione del diffuso clima di
conflitto sociale che stiamo respirando in Italia, come in tante altre
parti di Europa. In questi mesi si assiste ad un inquietante aumento
delle azioni violente da parte delle forze dell’ordine, con cariche a
freddo contro persone, siano queste studenti, lavoratori o appartenenti
a qualsiasi altro soggetto sociale politicamente attivo, “colpevoli” di
manifestare dissenso per le politiche governative o per la difesa dei
propri diritti, sgomberi di spazi sociali e di case occupate,
perquisizioni, arresti e disparate misure restrittive a carico di
attivisti, nel corso di operazioni repressive studiate a tavolino per
delegittimare i movimenti di lotta.

Non possiamo accettare questa deriva violenta e autoritaria, in cui lo
Stato usa il proprio braccio armato, le forze dell’ordine, ma sempre più
spesso anche l’esercito, come in Valsusa, in difesa degli interessi di
un sistema economico che ha dimostrato da tempo la propria
inadeguatezza.

E’ in questo scenario che quanto accaduto a Cusago non può restare
senza risposta: tutt* ci sentiamo chiamati in causa per difendere spazi
di libertà, temporanei o stabili, nei quali continuare a coltivare la
nostra opposizione al sistema vigente, attraverso lo sviluppo di
pratiche controculturali vecchie e nuove, pratiche con cui affermiamo la
nostra alterità rispetto alla mercificazione dell’esistenza che
contraddistingue il modello sociale in cui stiamo vivendo.

Riteniamo quindi indispensabile riportare all’attenzione collettiva
temi fondanti come autogestione e autoproduzione; riaffermiamo con forza
la legittimità delle pratiche di riappropriazione di spazi, tempi e
saperi. Rivendichiamo l’attualità dell’occupazione come atto in grado di
ridare vita, temporaneamente o in maniera stabile, a zone autonome e
liberate. Sfruttando gli sprechi e l’abbandono ci sottraiamo alle
logiche del potere e del profitto, creiamo spazi pubblici di socialità
in grado di autoregolarsi, sperimentiamo nuove modalità di relazione tra
le persone.

Su questi presupposti si è costruito un percorso di confronto, aperto
ed eterogeneo, tra soggetti di tutta Italia che in veste differente
hanno a cuore la creazione di nuovi ragionamenti e pratiche comuni:
tribe, spazi sociali, singole persone hanno popolato assemblee pubbliche
durante le quali si è sancita la necessità di dare una prima forte
risposta di piazza a tutte queste esigenze latenti, dando forma anche a
interconnessioni tra differenti percorsi politici e sociali.

Il 22 dicembre manifesteremo per rivendicare le nostre azioni e
denunciare questo clima di tensione attraverso una presenza consapevole
nelle strade e nelle piazze, in grado di spezzare il meccanismo
recriminatorio che ci circonda e portare la nostra voce e il nostro
pensiero. Il corteo si concluderà con un presidio davanti al carcere di
San Vittore, luogo simbolico e spina nel cuore del tessuto urbano
milanese, per portare la nostra solidarietà a tutti coloro che subiscono
l’oppressione dello stato e far sentire la nostra presenza attraverso la
musica.

Concentramento h 14.30 – Piazzale Cairoli
Per info o adesioni: reclaimthestreets2k12@inventati.org