Feb 9 2015

Federico Perna morto di carcere, dopo un anno nessuna giustizia

federico-300x225Sono passati quindici lunghi mesi dalla morte di Federico Perna nel carcere di Poggioreale. Federico era un ragazzo di 34 anni, finito in cella per un cumulo di pene a causa di piccoli reati legati alla droga, e morto l’8 Novembre 2013 con molte gravi patologie e un corpo martoriato. Quindici mesi fa è stata aperta un’inchiesta dalla Procura di Napoli, ma da allora l’unica evoluzione è stata la richiesta di archiviazione e l’opposizione degli avvocati. Quindici mesi aggiungono pena a pena, soprattutto se non si riesce a venire a capo di una morte avvenuta in circostanze così drammatiche e oscure. “Non abbiamo ancora risposte – si sfoga la madre, Nobila Scafuro – e questo mi fa cadere le braccia. Ho fiducia nella giustizia ma spero che il giudice guardi bene a fondo la storia di Federico, che sicuramente non è morto di ‘morte naturale’ come dicono. Basta guardare le sue foto, la sua situazione, le sue malattie”. Continue reading


Nov 12 2014

Detenuto morto al carcere Due palazzi di Padova, medici indagati per omicidio colposo.

medica-assassina-proximo-a4383Cinque medici lo avevano visitato, in meno di 48 ore. Tutti gli avrebbero prescritto solo qualche antidolorifico. Invece, quella peritonite stercoracea sarebbe costata la vita ad un detenuto di 45 anni, rinchiuso al carcere al Due Palazzi di Padova. Sotto inchiesta i cinque camici bianchi, come riportano i quotidiani locali, tutti indagati per concorso in omicidio colposo.  Continue reading


Nov 4 2014

Morto di carcere: detenuto muore in cella

1314324-sbarreFirenze – Un detenuto calabrese 56enne, condannato a 30 anni è morto ieri sera per infarto nel carcere toscano di Porto Azzurro , aveva un fine pena nel 2018. E’ deceduto dopo aver accusato alcuni malori e problemi di respirazione [..]”Nonostante i tempestivi interventi del personale di Polizia Penitenziaria, di quello medico e paramedico non c’è stato purtroppo nulla da fare”. “I dati diffusi recentemente dalla Società italiana di medicina e sanità penitenziaria ci dicono – sottolinea Capece -che il 60-80% dei detenuti è affetto da una patologia. Un detenuto su due soffre di una malattia infettiva, quasi uno su tre di un disturbo psichiatrico, circa il 25% è tossicodipendente. Solo 1 detenuto su 4 ha fatto il test per l’Hiv”. “Le stime sulla salute dei detenuti italiani elaborate dalla Simspe vedono in testa alla classifica delle patologie più diffuse le malattie infettive (48%); i disturbi psichiatrici (27%); la tossicodipendenza (25%); le malattie osteoarticolari (17%); le malattie cardiovascolari (16%); i problemi metabolici (11%); le patologie dermatologiche (10%). Per quanto riguarda le infezioni a maggiore prevalenza, il bacillo della tubercolosi colpisce il 22% dei detenuti, l’Hiv il 4%, l’epatite B (dormiente) il 33%, l’epatite C il 33% e la sifilide il 2,3%”

Fonte


Ott 6 2013

Usa: morto Wallace, ex pantera nera, scarcerato dopo 40 anni

cordatesaÈ durata solo tre giorni la libertà di Herman Wallace, un uomo di 71 anni, ex membro del gruppo delle Pantere Nere, detenuto per 40 in isolamento di un carcere della Louisiana e liberato martedì sera: è morto la notte scorsa, a causa di complicazioni dovute al tumore al fegato che gli era stato diagnosticato alcuni mesi fa.

Lo riferisce il Times Picayune di New Orleans, secondo Continue reading