Morto di carcere: detenuto muore in cella

1314324-sbarreFirenze – Un detenuto calabrese 56enne, condannato a 30 anni è morto ieri sera per infarto nel carcere toscano di Porto Azzurro , aveva un fine pena nel 2018. E’ deceduto dopo aver accusato alcuni malori e problemi di respirazione [..]”Nonostante i tempestivi interventi del personale di Polizia Penitenziaria, di quello medico e paramedico non c’è stato purtroppo nulla da fare”. “I dati diffusi recentemente dalla Società italiana di medicina e sanità penitenziaria ci dicono – sottolinea Capece -che il 60-80% dei detenuti è affetto da una patologia. Un detenuto su due soffre di una malattia infettiva, quasi uno su tre di un disturbo psichiatrico, circa il 25% è tossicodipendente. Solo 1 detenuto su 4 ha fatto il test per l’Hiv”. “Le stime sulla salute dei detenuti italiani elaborate dalla Simspe vedono in testa alla classifica delle patologie più diffuse le malattie infettive (48%); i disturbi psichiatrici (27%); la tossicodipendenza (25%); le malattie osteoarticolari (17%); le malattie cardiovascolari (16%); i problemi metabolici (11%); le patologie dermatologiche (10%). Per quanto riguarda le infezioni a maggiore prevalenza, il bacillo della tubercolosi colpisce il 22% dei detenuti, l’Hiv il 4%, l’epatite B (dormiente) il 33%, l’epatite C il 33% e la sifilide il 2,3%”

Fonte


Comments are closed.