Carcere di Perugia, detenuto aggredisce ispettore della polizia penitenziaria con un pugno al volto

Altro episodio di violenza all’interno del carcere di Capanne dopo che, alcuni giorni fa, un detenuto aveva appiccato un incendio all’interno di una cella. Secondo quanto denunciato sabato da due sindacati degli agenti di polizia penitenziaria (l’Osapp e l’Alsippe) nella tarda serata di venerdì un detenuto di nazionalità tunisina ha colpito al volto un ispettore capo della penitenziaria che, viste le lievi contusioni riportate durante l’aggressione, è stato medicato nell’infermeria del carcere. «Ancora una volta – dice il segretario regionale dell’Osapp Fabio D’Imperio – siamo costretti a intervenire su vicende che si sperava non accadessero più. Si tratta dell’ennesimo evento critico nel carcere di Perugia, a dimostrazione che è sempre e solo la polizia penitenziaria a pagare, anche a prezzo della propria incolumità personale. Continuiamo a pagare sulla nostra pelle i disservizi del sistema». «La segreteria generale Alsippe – sottolinea l’altro sindacato – nel condannare fermamente il grave episodio di violenza esprime tutta la propria solidarietà e  vicinanza all’ispettore e gli invia gli auguri di una pronta guarigione».

Fonte


Comments are closed.