Detenuto bevve detersivo in carcere: condannato a pagare 45 mila euro

cordatesaCUNEO – Condannato a pagare 45 mila euro perchè minacciò gli agenti di polizia penitenziaria di togliersi la vita. Lo ha deciso stamattina il tribunale di Cuneo per A.N., detenuto, a giugno 2012, al carcere del Cerialdo.

 Il reato è minaccia contro pubblico ufficiale. Era in una cella di isolamento per scontare una sanzione disciplinare. Chiese di avere degli indumenti minacciando che, se non glieli avessero portati entro 10 minuti, avrebbe tentato di uccidersi bevendo del detersivo. Così fece e si tagliò anche l’avambraccio con una lima.

In aula ha detto: “L’ho fatto per impedire agli agenti che c’erano in quel momento, di entrare in cella. Avevo paura”. L’ispettore di turno chiamò il medico, che accorse immediatamente.

Il difensore ha invocato la legittima difesa ma il giudice ha condannato l’imputato sostituendo 6 mesi di reclusione con la sanzione pecuniaria.

Fonte


Comments are closed.