Giustizia: la storia di Bellavista Caltagirone, arrestato e assolto dopo nove mesi di carcere

images (3)Assolto perché il fatto non sussiste. Francesco Caltagirone Bellavista è stato assolto insieme con altri nove imputati dal Tribunale di Torino dall’accusa di truffa ai danni dello Stato, abuso d’ufficio, intimidazione di soggetti istituzionali, l’accusa di associazione per delinquere era già stata archiviata dal gip torinese un anno fa: si è così clamorosamente sgonfiata l’indagine della Procura di Imperia che si era abbattuta come un ciclone sul porto ligure, sull’imprenditore romano e sul dominus politico Claudio Scajola. 

L’ex ministro aveva visto poi archiviate tutte le accuse nei suoi confronti. “Quattro anni dopo – dice Bellavista Caltagirone – mi trovo massacrato fisicamente, economicamente, sentimentalmente. Ho perso tutto per ingiuste accuse ma non chiedo danni e non cerco vendette. Sono orgoglioso, sono onorato di essere stato giudicato da tre donne giudice di grande onestà e equilibrio intellettuale che hanno guardato solo ai fatti senza pregiudizi.

L’Italia ha ancora di questi magistrati”. Caltagirone è stato arrestato il 5 marzo del 2012, in carcere c’è rimasto nove mesi. “Il carcere – dice – non è solo ovvia sofferenza fisica e mentale, e io ho perso dodici chili, ma è terribile soprattutto l’impossibilità di difendersi, accusa e difesa non hanno pari diritti, solo in Italia c’è una custodia cautelare come quella che ho patito io”.

Parla di “accanimento” l’imprenditore romano e va oltre: “Quel pm di Imperia mi voleva tenere in galera ad ogni costo forse con la speranza che io crollassi e accusassi qualcuno. Ma io non potevo certo accusare chi non aveva fatto niente”.

Il riferimento è evidentemente all’ex ministro Claudio Scajola, finito nel mirino della Procura. La vicenda del porto d’Imperia è iniziata nel 2010 ma è esplosa due anni fa con l’arresto dell’imprenditore, la tesi della Procura era che l’incarico alla Acquamare di Caltagirone per la costruzione del porto fosse illegale, frutto appunto di una truffa ai danni dello Stato.

Le conseguenze sul piano pratico sono state pesanti. La Porto di Imperia è fallita, Acquamare e la casa madre Acquamarcia sono in concordato preventivo. “Io ho fiducia e rispetto nei magistrati – dice Caltagirone – e in questa vicenda ne ho dovuti conoscere tanti ma quell’unico pm di Imperia ha distrutto un’azienda con duemila dipendenti diretti e ottomila indiretti, Acquamarcia ha subito la chiusura di credito delle banche, i cantieri bloccati, i sequestri.

Mi chiedo se il Consiglio Superiore della Magistratura non possa riflettere su tutto ciò”. Adesso il Tribunale di Torino ha novanta giorni per depositare le motivazioni della sentenza (tutti assolti per le accuse principali, sono state poi emesse due condanne a otto mesi per due imputati per fatti marginali). È probabile che il pm di Torino che aveva chiesto otto anni di reclusione per Caltagirone Bellavista e aveva parlato in aula di “truffa colossale” faccia appello.

Fonte


Comments are closed.