Aggrediti agenti della Polizia Penitenziaria al Carcere di Arghillà

cordatesaReggio Calabria. Nuova aggressione alla Polizia Penitenziaria. Mancava all’appello la nuova casa circondariale di Arghilla’ (RC). A dichiararlo è il Segretario Generale Aggiunto dell’Osapp – Domenico Nicotra- che rende nota la recente aggressione perpetrata nei giorni scorsi all’interno del nuovo istituto calabrese.

“Il detenuto di nazionalità bulgara, continua Nicotra, inizialmente poneva in essere resistenza passiva nei confronti del Comandante f.f. del Reparto e di due agenti della polizia di stato, ai quali spettava il compito di tradurlo presso la Questura per regolarizzare la propria posizione nello stato italiano.”

“Successivamente, per motivi riconducili probabilmente alla consegna al personale della Polizia di Stato, il detenuto si è scagliato contro il personale delle forze dell’ordine ai quali si sono aggiunti altri due Poliziotti Penitenziari che, a causa della sua mole, hanno riportato delle ferite.”

“E’ evidente, conclude Nicotra, che se anche ad Arghilla’, fiore all’occhiello dell’Amministrazione Penitenziaria, in cui sono prevalenti le attività trattamentali si registrano simili episodi l’unica spiegazione plausibile è quella della carenza di organico di Polizia Penitenziaria; personale indispensabile per garantire in sicurezza qualsivoglia attività di recupero e di reinserimento di persone detenute.”

Fonte


Comments are closed.