Protesta in carcere a Venezia

cordatesaUna tre giorni di protesta in carcere per chiedere migliori condizioni carcerarie. I detenuti della Casa Circondariale di Venezia hanno protestato pacificamente per mezz’ora nei tre giorni di 24, 25 e 26 luglio per due volte al giorno mattina e sera. Hanno rifiutato il cibo e hanno battuto con forza contro le inferriate, lamentando così le condizioni di sovraffollamento, e chiedendo un provvedimento di amnistia.

Una protesta che non lascia indifferenti neppure il personale della polizia penitenziaria, la «UIL PA Penitenziari» parla di « nodi che tornano al pettine», nonostante la situazione rispetto a luglio sia migliorata, con circa 80/100 detenuti in meno ma comunque con 120 persone in più rispetto alla capienza. «Servono strutture più idonee – spiega la Uil – e ad andare in terraferma c’è da guadagnare per tutti»

Fonte


Comments are closed.