Mantengono in carcere preventivo Yaritza Grandon.

DSCN0646 (1)Venerdì 26 Aprile si è tenuto presso il Tribunale di Temuco l’udienza per la revisione delle misure cautelari a carico di Yaritza Grandón, una delle tre compagne che si trovano sequestrate nel carcere di Temuco, nell’indagine per infrazione della legge sul controllo di armi ed esplosivi, conseguita alle irruzioni, perquisizioni e arresti del 28 Marzo.

Il giudice Luz Mónica Arancibia è riuscita a mantenere in prigione preventiva Yaritza, mentre che la difesa a carico dell’avvocato Sebastián Saavedra del centro d’investigazione e difesa sur (CIDSUR) assicura che ricorreranno in appello, ricordando che Yaritza è disabile nei suoi arti superiori, la cui inabilità complica notevolmente i suoi movimenti motori, e le impediscono di realizzare le azioni imputategli dal pubblico ministero.

Il procuratore del pubblico ministero, Omar Mérida, ha rifiutato tutto ciò, insinuando che la giovane non è limitata nell’esercizio diario a causa della sua disabilità. Inoltre, aggiunge che esiste un quaderno nel quale la giovane avrebbe scritto il comunicato dove si attribuisce l’installazione degli ordigni esplosivi, che sono stati trovati all’ingresso della Direzione Generale della Gendarmeria e nella caserma della Questura delle Forze Speciali dei Carabinieri.

Facciamo una chiamata a mantenerci attenti e solidali con la situazione che stanno vivendo le ragazze nel carcere di Temuco, che una di loro è in stato di gravidanza, senza dimenticare che ci sono due persone agli arresti domiciliari notturni, che attendono lo sviluppo delle indagini, tutt* all’interno del montaggio poliziesco effettuato il 28 di Marzo.

¡LIBERTAD INMEDIATA A LXS PRESXS DEL 28 DE
MARZO!
¡¡¡¡ ROXANA, YARITZA Y ARIADNA A LA KALLE !!!!
¡¡¡ KONTRA LA KARCEL Y SUS KARCELERXS !!!


Comments are closed.