Capodanno di tensione al Cie: nuovo attacco dei centri sociali

Approfittando del disordine dei botti di fine anno, i centri sociali hanno manifestato davanti al Cie, con lancio di bombe carta e petardi. In corso Brunelleschi finisce un mese di proteste

Forse hanno cercato di replicare quanto accaduto l’anno scorso, ma senza riuscirci una seconda volta. Gli anarchici hanno deciso di organizzare, nella notte di capodanno, un nuovo blitz al Cie di corso Brunelleschi. Nel capodanno 2012 una ventina di immigrati avevano tentato la fuga, e qualcuno era anche riuscito a far perdere le proprie tracce; scena a sua volta replica della “fuga di Natale”, quando 35 nordafricani avevano tentato di scavalcare il muro di cinta.

Ispirandosi forse a questi fatti di cronaca, e contando sulla confusione nelle strade per i botti di capodanno, gli anarchici hanno manifestato ancora una volta davanti al centro per l’identificazione e l’espulsione dei clandestini. Bombe carta, petardi, fuochi d’artificio e scritte sui muri del Cie sono stati i passatempi della nottata. Immediato, dunque, l’intervento di numerose volanti della polizia in corso Brunelleschi.

All’interno del centro, gli immigrati hanno protestato animatamente, costringendo l’intervento della sorveglianza, che ha utilizzato gli estintori. In ogni caso, questa volta, niente fughe: i danni materiali più evidenti sono le scritte rimaste sui muri del Cie.

Dicembre si conclude, dunque, facendo tornare il Cie sulle pagine di cronaca. Il mese era iniziato con il tentativo, da parte degli anarco-insurrezionalisti, di introdurre nel centro dei seghetti, opportunamente nascosti in alcune banane. Tentativo smascherato dal metal detector, e concluso con la denuncia di Fabio M., 34 anni. Altri casi, più recenti: il 14 del mese alcuni immigrati avevano dato fuoco ad alcuni materassi. incendi anche nel pomeriggio del 28 dicembre, quando alcuni ospiti del settore maschile hanno appiccato le fiamme ad altri materassi. Nella nottata tra il 27 e il 28, invece, dopo molto disordine nel centro, con urla e schiamazzi avvertiti distintamente dai residenti, un immigrato si era arrampicato sopra il tetto di una casetta, discendendo poco dopo.

Fonte: torinotoday.it

 

 


Comments are closed.