Carcere, a Sollicciano forte tensione tra i detenuti. Accoltellati due agenti

Dopo le proteste nel carcere di Pisa giungono notizie di “fortissime tensioni e di violenze anche dalla Casa Circondariale di Firenze “Sollicciano”. Lo rende noto il segretario generale della Uilpa Polizia Penitenziaria, Angelo Urso.

“A Sollicciano – afferma Urso – nel pomeriggio di oggi alcuni detenuti, armati di coltello rudimentale, bastone e bombolette del gas (quelle in uso con i fornelli) si sono scagliati contro la Polizia penitenziaria procurando ferite da taglio a due agenti e alcune contusioni ad un terzo. I tre sono stati portati al pronto soccorso”.

Leo Beneduci, segretario generale di Osapp, l’Organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria, racconta di “quattro agenti aggrediti” con un coltello rudimentale”, definendo l’episodio “gravissimo” purtroppo “l’ennesimo di una lunga serie, dimostra l’estrema criticità in cui versano gli istituti italiani ed in particolare quelli toscani”, ed il sindacato “ribadisce con forza la necessità dell’istituzione di una commissione parlamentare ad hoc e l’immediato intervento del ministro Orlando”.

Dopo la sommossa nel carcere di Pisa avvenuta a seguito del suicidio di un detenuto, il Partito Radicale torna a chiedere al Ministro della Giustizia Andrea Orlando “l’immediata approvazione del nuovo Ordinamento Penitenziario attraverso l’esercizio della delega conferita al Governo dal Parlamento con la legge n. 103 del 23 giugno scorso”.

Fonte


Comments are closed.