Reggio Emilia – detenuto si impicca in una cella

Un detenuto tunisino di 28 anni si è impiccato in cella, nel carcere di Reggio Emilia, poco prima del suo trasferimento in un’altra struttura disposto per la sua condotta dopo una violenta protesta alla quale aveva partecipato lunedì mattina con altri reclusi.

Il giovane, nella notte fra lunedì e martedì, con altri quattro detenuti aveva distrutto i bagni di un’area comune e aveva minacciato gli agenti con armi rudimentali. La situazione era tornata alla normalità dopo oltre tre ore di trattative.

Il nordafricano, che sarebbe dovuto rimanere in carcere fino al 2041 per omicidio, ha strappato lembi del lenzuolo, li ha arrotolati e legati ad alcune sbarre e si è impiccato. Inutile l’intervento degli agenti di polizia penitenziaria.

Fonte


Comments are closed.