Russia: Arrestate due persone accusate di 25 anni di sabotaggi ai gasdotti

aLa polizia russa ha arrestato due sospetti eco-guerriere a Krasnodar. Sono accusati di avere posizionato bombe sui gasdotti e di avere incendiato attrezzature da costruzione. Secondo la polizia la loro attività è cominciata nel 1988 (!!!). Sembra che gli sbirri vogliano provare ad accusarli di tutte le azioni di eco-sabotaggio avvenute nella zona dalla fine del XX° secolo.

I media di stato hanno rivelato che almeno uno dei due arrestati si considera un ecologista radicale e ha già scontato diverse condanne in passato per reati simili.

È incredibile che solo ora, dopo gli arresti, i media e la polizia scelgano di ammettere che le azioni di eco-sabotaggio come le 3 diverse esplosioni dirette contro i gasdotti sotto a Sochi siano mai successe (una nel 2007, 2 nel 2012, nessuno è rimasto ferito dalle esplosioni). O il fatto che qualcunx abbia sabotato con successo mezzi pesanti, attrezzature e impianti dell’olio per circa 25 anni sotto il naso del progetto Olimpiadi-2014. Sfortunatamente tutte queste azioni non sono mai uscite sulla stampa ecologista o anarchica, quindi questo caso risalta come esempio lampante del fatto che le azioni non parlano da sole. Il governo russo è stato molto efficiente nell’ammutolire questa resistenza fin dal principio. Con l’aiuto di “compagnx” dalla parte legale del movimento di protesta, ovviamente.

Aspiranti “leaders ecologisti” di Krasnodar hanno già scelto la parte di Giuda sostenendo che gli arrestati non appartengono al movimento ecologista, che le azioni dirette sono un crimine agli occhi degli ecologisti legali, una pratica abbandonata molto tempo fa. Un VAFFANCULO di cuore va all’eco-clown ed eco-turista Rudomaha. A proposito, egli ama frequentare le proteste anti-nucleare in Germania, giusto perchè lo sappiate…

Fonte


Comments are closed.