Milano – Corvaccio sotto sgombero

download (3)Mar, 18/11/2014 – 08:44 Apprendiamo dai compagni che in mattinata sono iniziate le operazioni per tentare di sgomberare l’occupazione del Corvaccio, a Milano. Gli sbirri sono entrati all’interno, alcuni occupanti sono riusciti a raggiungere il tetto e stanno resistendo, diversi solidali da Milano e non solo si sono radunati all’esterno nei pressi di via Ravenna 30.

Fonte

12:59 Sarebbero tre le persone arrestate dalla polizia in seguito agli scontri scoppiati questa mattina.

 13.30: A fine mattinata sono stati eseguiti numerosi fermi: 3 compagni sono stati tratti in arresto per resistenza, gli altri denuciati a141651035-66fb04a7-a457-4e81-8c82-4f386b4019d4 piede libero. Ora è in corso un presidio permanente in via dei 500. Per le h 17 è stato indetto un concentramento cittadino, sempre in via dei 500 (Metro Corvetto): per rilanciare l’autodifesa dei quartieri popolari. Per la solidarietà! Contro la prepotenza delle guardie e dei padroni! Per fermare immediatamente sfratti e sgomberi! Per la liberazione immediata di tutt*!

19.00 In serata un corteo spontaneo di circa 150 solidali ha cercato di muoversi verso il carcere di San Vittore per salutare i compagni arrestati nell’arco della giornata di lotta. La celere si è frapposta con lancio di lacrimogeni, impedendo ai manifestanti di proseguire in quella direzione. Il corteo selvaggio si è quindi spostato in zona Navigli, lasciando scritte di solidarietà e banche danneggiate.

nella notte fiamme in una palazzina in via Inganni, sede aler, nella zona sud-ovest della città. Due persone si sono introdotte nell’edificio con del liquido infiammabile. Ancora da chiarire le cause del gesto.

19.11.2014. I tre compagni oggi sono stati tutti rilasciati nel pomeriggio.

guerriglia in zona Corvetto

Cariche delle forze dell’ordine e lancio di fumogeni, martedì mattina a Milano, nel corso di uno sgombero del centro sociale «Corvaccio squat» e dello «spazio anarchico occupato Rosa nera», in via Ravenna 30 e 40, zona Corvetto, periferia sud della città. Gli agenti hanno anche lanciato lacrimogeni, gli antagonisti pietre e incendiato cassonetti. Alcuni antagonisti sono saliti sul tetto per opporsi allo sgombero. Fin dalla mattina presto una cinquantina di antagonisti si erano riuniti in via Ravenna per contrastare l’azione di sgombero attuata dalle forze dell’ordine. I manifestanti hanno iniziato a erigere delle barricate utilizzando i cassonetti della nettezza urbana, a cui poi hanno dato fuoco scagliando pietre contro la polizia, mentre altri salivano sui tetti. Attorno alle 9.25 i manifestanti, circa 70 in totale, hanno bloccato la strada, ma quando gli agenti hanno lanciato alcuni lacrimogeni hanno desistito allontanandosi. I manifestanti hanno eretto barricate con cassonetti della immondizia, hanno appiccato il fuoco e tirato pietre contro le forze dell’ordine. Sul posto anche i carabinieri e il 118 con un’ambulanza. Non si riscontrerebbero feriti se non un leggero malore per una donna, non grave.293079-014-U430404057406044BF-U430401022795085iKI-1224x916@Corriere-Web-Milano-593x443

il corteo

Dopo una serie di cariche e il lancio di lacrimogeni per disperdere i manifestanti, la situazione in via Ravenna e via Pomposa, dove si sono verificati gli incidenti, si è tranquillizzata. Sul posto le forze dell’ordine continuano a presidiare le attività di sgombero. Tre giovani sono ancora sul tetto del centro sociale «Corvaccio». La situazione viene controllata a distanza da forze dell’ordine e vigili del fuoco. Un piccolo corteo è partito da via Ravenna lungo via dei Cinquecento, ma si è fermato all’angolo con via dei Panigarola all’inizio del tratto di strada occupata dal mercato, che prosegue fino a piazzale Gabrio Rosa. Restano a presidio diverse decine di agenti di polizia e della guardia di finanza con camionette, mentre lungo via Ravenna restano a terra numerosi cassonetti di immondizia rovesciati durante gli scontri. L’area è sorvolata da un elicottero.

Fonte

barricate e cariche

guerriglia e sgombero

l’assedio alla villetta

un giorno di scontri


Comments are closed.