Cile – Ucciso un compagno anarchico durante un esproprio e arrestati altri due

diffondiamo da informa-azione la traduzione da publicacionrefractario:

cordatesaDopo la rapina durante la quale è stato ucciso il compagno anarchico Sebastian Oversluij, si è intensificata la stretta repressiva.

Con l’aiuto dei testimoni la polizia del 26° commissariato avrebbe identificato due dei partecipanti. Sono stati arrestati gli anarchici
Alfonso Alvial Sanchez (27 anni) e Hermes Gonzalez Henriquez (25 anni), trovati in possesso di guanti, parrucche e un revolver a testa.

Dopo esser usciti dal commissariato hanno gridato ai giornalisti slogan in ricordo del compagno anarchico caduto durante l’azione.

Il 12 Dicembre sono state formalizzate le accuse di “rapina con intimidazione” e “porto illegale di arma”. Anche se la procura voleva ottenere una proroga investigativa per approfondire eventuali “vincoli anarchici” e “vincoli col caso bombas”. Il tribunale ha rifiutato la richiesta e ha concesso al procuratore Luis Pablo Cortes una proroga di 90 giorni.

Secondo la procura ci sarebbero due fuggitivi, mentre si fanno indagini sulle armi confiscate, sarebbero state rubate a guardie di sicurezza durante rapina nel Gennaio e Marzo 2013.

Attualmente i compagn antiautoritari Hermes e Alfonso sono detenuti nella sezione di massima sicurezza del carcere di alta sicurezza.

Libertà per tutti/e i/le prigionieri/e rivoluzionari/e anarchici/che!

manifesto tradotto da radioazione.noblogs.org

Sull’uccisione del compagno Sebastian Oversluij Seguel – da radioazione:

Ieri circa 9:30 è stato colpito a morte il compagno Sebastian Oversluij Seguel (26 anni), mentre con altri due compagni si stavano preparando a rapinare la Banca Estado in Av. Estrella nel comune di Pudahuel, Sebastian è stato ucciso da colpi dello sbirro che stava a guardia dei locali della banca, che ha sparato sul suo corpo almeno 6 proiettili..

Altri due compagni sono stati arrestati mentre tentavano di scappare, i compagni Alfonso Alvial (27 anni) e Hermes Gonzalez (25 anni). ICompagni detenuti sono passati oggi al centro di detenzione, nel centro di ingiustizia cileno alle 16:00 del 12 /12/13. Durante la notte sono stati perquisiti diversi posti, uno di loro la casa dove vive il padre di Sebastian.

Inoltre vogliono accusare i due compagni detenuti per altre rapine effettuate quest’anno nello stesso luogo e altre azioni di natura politica, in quanto sono già stati arrestati per alcune iniziative in strada a sostegno dei compagni che a quel momento erano coinvolti nel processo giudiziario noto come il “Caso Bombas”.

L’appoggio con i nostri compagni è totale, possiamo capire il momento terribile che stanno attravarsando quelli più vicini. Noi abbiamo avuto l’audacia di informare i nostri compagni nel mondo su questa notizia.

Azioni di solidarietà e anti-autoritari abbraccino questi compagni.

Siamo arrivati a questo!

Compagno Sebastian Oversluij Seguel Presente!

Libertà per i compagni Hermes e Alfonso

Traduzione RadioAzione

fonte


Comments are closed.